Elezioni Algeria: Abdelmadjid Tebboune è il nuovo Presidente

Elezioni Algeria: Abdelmadjid Tebboune è il nuovo Presidente

Abdelmadjid Tebboune è stato eletto presidente della Repubblica in un contesto di massicce contestazioni. Una tornata elettorale segnata da un tasso di astensione record di quasi il 60%.Un deficit di legittimità che dovrà colmare, tra la ricerca di un consenso politico e il contenimento dell’influenza dell’esercito.


L’annuncio del risultato è stato dato dal presidente dell’Autorità nazionale indipendente delle elezioni (Anie), Mohamed Charfi, in una conferenza stampa trasmessa in diretta da Al Jazeera. L’ex primo ministro Abdelmadjid Tebboune, 73 anni, è stato eletto presidente della Repubblica nel primo turno delle elezioni presidenziali che si sono svolte giovedì 12 dicembre in Algeria. 

Tebboune sostituisce Abdelaziz Bouteflika, al potere dall’aprile 1999 e costretto a dimettersi lo scorso aprile dopo una rivoluzione iniziata per contestare la sua candidatura per un quinto mandato[1]Il tasso record di astensione, il più alto di tutte le elezioni presidenziali che l’Algeria ha conosciuto dall’apertura democratica del 1989, sottolinea l’entità del rifiuto o dell’indifferenza degli algerini per questo evento elettorale.

Secondo i dati ufficiali, meno di quattro algerini su dieci sono andati alle urne per scegliere un successore di Abdelaziz Bouteflika. Secondo Mohamed Charfi, il tasso di partecipazione a livello nazionale è del 41,41% e quello degli algerini all’estero all’8,69%, ha poi spiegato.

Un voto categoricamente respinto dalle opposizioni, visto come una manovra del “sistema” al potere per garantirsi la sopravvivenza. In diverse città si sono registrate marce anti-elettorali e scontri, non solo ad Algeri, ma anche nella regione della Cabilia, a Bejaia e Tizi Ouzou, dove i manifestanti si sono impadroniti delle urne, le immagini delle schede di voto che volano nel cortile di un seggio è rapidamente diventata virale[2].

Chi è Abdelmadjid Tebboune? 

Nato a El Bayadh, sugli altopiani stepposi dell’Atlante, da madre contadina e padre militare, Tebboune iniziò la sua carriera nel corpo prefetto negli anni ’70 e ’80, prima di entrare a far parte del governo nel 1991 come Ministro delegato presso il Ministro degli Interni. Questo passaggio dura solo pochi mesi. Si ritirò quindi dalla vita politica, prima di tornare dopo l’elezione di Bouteflika nel 1999. Ha inoltre ricoperto il ruolo di Ministro delle comunicazioni, Ministro delegato presso il Ministero degli interni, quindi “Ministre de l’Habitat”.

Accusato sia di essere un uomo del sistema, un membro della “Issaba”[3], o di apparire come parte del regime del presidente estromesso, con il quale ha intrattenuto solidi legami di amicizia. Tebboune allontana queste accuse, ricordando ai propri detrattori di essere stato espulso dal Palazzo del Governo nell’agosto 2017 su istigazione degli oligarchi che attualmente languiscono in prigione e che suo figlio Khaled è ancora detenuto in relazione allo scandalo del caso Kamel Chikhi, alias El Bouchi, un importatore di carne e uno sviluppatore di proprietà accusato di traffico di cocaina[4].

È un eufemismo dire che il nuovo presidente dovrà governare in un contesto politico, sociale ed economico molto sfavorevole. Anche eletto al primo turno, Abdelmadjid Tebboune dovrà davvero superare il suo deficit di legittimità popolare. Soprattutto da quando una grande frangia di algerini, che sfida il principio stesso delle elezioni, sembra determinata a continuare a manifestare. La prima delle sue priorità sarà quindi quella di calmare la strada e stabilire dialoghi e concertazioni per convincere i suoi avversari di essere in grado di assecondare le esigenze dell’Hirak[5].

La sua seconda sfida sarà quella di costruire un consenso con il resto della classe politica, combinando tutte le tendenze. Non essendo del FLN, non essendo stato sostenuto dal RND, può sperare di prevalere sulla sua qualità di presidente senza cappello politico nella speranza di convincere altre parti a sostenere il suo progetto.

La terza sfida, senza dubbio la più complessa, risiede nella sua capacità di gestire l’influenza dell’esercito, in particolare quella del suo leader, il generale Ahmed Gaïd Salah, viceministro della difesa e capo di stato maggiore. Quale sarà il suo ruolo e il suo posto nel nuovo spettro politico, sotto la presidenza di Tebboune?[6]

Gli altri candidati

La sorpresa di queste elezioni viene dell’islamista Abdelkader Bengrina, arrivato in seconda posizione con il 17,38% dei voti. Bengrina, vicino all’islamista Mahfoud Nahnah, fondatore del Movimento per la società e la pace (MSP). Membro del Consiglio nazionale di transizione (1994-1997), è stato nominato Ministro Turismo e artigianato nel 1997, quando la MSP si unì al governo per la prima volta, sotto la presidenza di Liamine Zéroual (1994-1999). È stato anche eletto deputato ad Algeri nel 2002, prima di creare, nel 2013 con alcuni amici, il suo partito[7].

Candidato per la terza volta dopo il 2004 e il 2014, l’ex capo del governo Ali Benflis è arrivato terzo con il 10,55% dei voti. 

L’ex ministro della cultura Azzedine Mihoubi, presentato anche da alcuni come un possibile favorito dell’esercito, ha subito una vera e propria débâcle con solo il 7,26%. Un fiasco tanto più spettacolare in quanto Mihoubi ha ottenuto il sostegno del National Democratic Rally (RND), oltre a quello del FLN, i due partiti che formarono l’ex alleanza presidenziale. Il fallimento che accompagna la sua candidatura avrà importanti conseguenze sul futuro politico di queste due formazioni.

Infine Abdelaziz Belaïd, presidente del Fronte El-Moustakbel e già candidato nel 2014, unico dei cinque candidati a non aver ricoperto una funzione ministeriale sotto il regime di Bouteflika, ha ottenuto il 6,6%[8].


Note

[1]https://www.repubblica.it/esteri/2019/04/02/news/algeria_si_e_dimesso_il_presidente_bouteflika-223133864/

[2]https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/12/13/algeria-astensionismo-record-alle-elezioni-il-neo-presidente-gia-contestato-in-piazza/5614775/

[3] Il termine “îssaba” – la cui traduzione differisce da un media di lingua francese a un altro, “banda”, “clan” o “banda” – è stato, in modo sottile, riformulato al plurale (îssabate). https://www.algeriepatriotique.com/2019/09/01/quand-le-mot-issaba-cher-a-gaid-salah-se-retourne-contre-ses-geniteurs/

[4] http://www.elmoudjahid.com/fr/actualites/146192

[5] Il Rif Movimento Hirak o Il Movimento Rif è un movimento popolare di protesta di massa che ha avuto luogo nella regione del Rif nel nord del Marocco, tra ottobre 2016 e giugno 2017 a seguito della morte di Mohcine Fikri , un pescivendolo che è stato schiacciato a morte in un camion della spazzatura dopo essere saltato dietro, a seguito della confisca della sua presunta merce illegale di pesce da parte del locale autorità.

[6]https://www.jeuneafrique.com/mag/869464/politique/algerie-les-defis-dabdelmadjid-tebboune-nouveau-president-dun-pays-sous-tension/

[7]https://www.jeuneafrique.com/868098/politique/presidentielle-en-algerie-cinq-choses-a-savoir-sur-le-candidat-abdelkader-bengrina/

[8] https://www.jeuneafrique.com/867645/politique/presidentielle-en-algerie-cinq-choses-a-savoir-sur-abdelaziz-belaid-le-benjamin-de-lelection/


Foto copertina: Abdelmadjid Tebboune, 73 anni, è stato eletto presidente della Repubblica nel primo turno delle elezioni presidenziali che si sono svolte giovedì 12 dicembre in Algeria. Africarivista


Scarica Pdf

Vai alla barra degli strumenti