Timore per El Niño. I ricercatori avvertono: “apparirà nel 2020”

Timore per El Niño.  I ricercatori avvertono: “apparirà nel 2020”

Ricercatori tedeschi e israeliani ritengono molto probabile che entro la fine del 2020 la regione del Pacifico sarà nuovamente colpita dal fenomeno climatico El Niño.


Secondo la dichiarazione, la previsione si basa su un algoritmo che analizza le temperature dell’aria nell’area del Pacifico e consente di effettuare una previsione in anticipo. Già i due precedenti fenomeni di El Niño avrebbero potuto essere correttamente previsti in anticipo.

Figura schematica del Pacifico. Il rettangolo rosso indica l’area in cui viene misurato l’Indice Oceanico Niño (ONI).

Il fenomeno, che appare ciclicamente a intervalli irregolari, è generato da temperature dell’acqua più elevate nel Pacifico tropicale. Di conseguenza e a causa dei cambiamenti nelle correnti aeree e marine, il clima è modificato in tutto il mondo. 

Essendo la principale causa dei cambiamenti climatici naturali, El Niño, ad esempio, può scatenare inondazioni in Sud America, siccità in Australia o raccolti viziati in India.

Le rivoluzionarie previsioni iniziali si basano su un nuovo algoritmo sviluppato dai ricercatori, che si basa su un’analisi di rete delle temperature dell’aria nella regione del Pacifico e che ha previsto correttamente gli ultimi due eventi “El Niño” con oltre un anno di anticipo. 

Tali previsioni a lungo termine possono, ad esempio, aiutare gli agricoltori in Brasile, Australia o India a prepararsi e ad adeguare di conseguenza la loro semina.

Una probabilità di circa l’80 percento

“I metodi convenzionali non sono in grado di fare una previsione affidabile di “El Niño “con oltre sei mesi di anticipo. Con il nostro metodo, abbiamo raddoppiato il tempo di allarme precedente”, sottolinea il fisico della JLU Armin Bunde[1], che ha avviato lo sviluppo dell’algoritmo insieme a il suo ex studente di dottorato Josef Ludescher. 

Hans Joachim Schellnhuber[2], direttore emerito di PIK, spiega: “Questa intelligente combinazione di dati misurati e matematica ci fornisce approfondimenti unici – e li rendiamo disponibili alle persone colpite”. Sottolinea che, ovviamente, il metodo di previsione non offre certezza al cento per cento: “La probabilità che ‘El Niño’ arrivi nel 2020 è dell’80% circa, ma è piuttosto significativo “[3].

Josef Ludescher, che ora lavora in PIK, sottolinea: “Abbiamo anche previsto l’assenza di un altro” El Niño “nel 2019 alla fine dello scorso anno. Solo da luglio le previsioni ufficiali sono state concordate con le nostre previsioni”. Il team sta attualmente espandendo l’algoritmo per essere in grado di prevedere anche la forza e la lunghezza del fenomeno meteorologico in futuro.

Reti da pesca vuote, precipitazioni torrenziali, siccità estese.

Con un periodo di allerta precoce convenzionale di al massimo un anno e mezzo finora, le persone nei tropici e nelle aree subtropicali sono scarsamente preparate per le conseguenze spesso devastanti di “El Niño” a intervalli irregolari intorno a Natale – reti da pesca vuote e precipitazioni torrenziali in Perù, nonché estese siccità in alcune parti del Sud America, Indonesia, Australia e Africa. 

Inoltre, il subcontinente indiano potrebbe subire un cambiamento negli schemi dei monsoni e la California potrebbe subire maggiori precipitazioni.

Per le loro ricerche, i ricercatori hanno utilizzato una rete di dati sulla temperatura atmosferica nel Pacifico tropicale composta da 14 punti della griglia nell’area centrale equatoriale “El Niño” e 193 punti nel Pacifico al di fuori di questa area centrale. I fisici avevano scoperto che già nell’anno precedente l’eruzione di un “El Niño”, l’effetto di teleconnessione tra le temperature dell’aria all’interno e all’esterno dell’area centrale diventa considerevolmente più forte. In particolare, hanno usato questo effetto per ottimizzare il loro algoritmo di predizione.

La scoperta del nuovo metodo è stata pubblicata per la prima volta nell’estate 2013 in un articolo nel famoso “Proceedings of the National Academy of Sciences[4]“. I dati attendibili del periodo compreso tra l’inizio del 1950 e la fine del 2011 erano disponibili per i ricercatori per le indagini. Il periodo tra il 1950 e il 1980 sono serviti come fase di apprendimento per determinare le soglie di allarme. 

Con l’aiuto di questo algoritmo, gli eventi “El Niño” potrebbero quindi essere previsti e confrontati con gli eventi reali. Nell’80% dei casi, l’allarme era corretto e l’evento “El Niño” poteva essere previsto con precisione l’anno prima. Tuttavia, gli scienziati non possono fare previsioni sull’intensità del fenomeno.  “Stiamo ancora studiando come prevederne la forza”.


Note

[1]https://www.researchgate.net/scientific-contributions/39395954_Armin_Bunde

[2] https://www.pik-potsdam.de/members/john

[3]https://www.pik-potsdam.de/news/press-releases/early-warning-physicists-from-giessen-potsdam-and-tel-aviv-forecast-el-nino-for-2020

[4] https://www.pnas.org/content/116/45/22512


Foto copertina:Category list picture: © dpa / Rungroj Yongrit


Scarica Pdf

Vai alla barra degli strumenti