World News, una settimana di notizie.

World News, una settimana di notizie.

Le più importanti notizie dal mondo riprese dai maggiori quotidiani, per essere sempre aggiornati. Notizie dal 8 al 15 aprile 2018.

 

Africa

Repubblica Democratica del Congo.

Repubblica Democratica del Congo: Un totale di 528 milioni di dollari, è stato promesso a Ginevra durante la conferenza dei donatori, boicottata da Kinshasa, per gli aiuti umanitari nella Repubblica Democratica del Congo. L’importo è ben al di sotto delle aspettative degli organizzatori (Nazioni Unite, Unione europea, Paesi Bassi), che speravano tra 1,7 e 2,2 miliardi di dollari per aiutare 13 milioni di congolesi di cui 4,5 milioni di sfollati, secondo il Nazioni Unite (230.000 secondo Kinshasa). Oltre agli 1,7 miliardi di dollari attesi dagli organizzatori, l’Ufficio dell’Alto Commissariato per i Rifugiati (UNHCR) aveva anche richiesto 504 milioni di profughi congolesi nei paesi limitrofi (800.000 entro la fine dell’anno secondo l’UNHCR). La RDC ospita anche diverse centinaia di migliaia di rifugiati (Repubblica Centrafricana, Sud Sudan, Burundi …) a causa di movimenti transfrontalieri di persone in fuga da conflitti.

Durante la conferenza, il ministro della Cooperazione belga Alexander De Croo ha invitato i “leader congolesi a prendere sul serio la crisi umanitaria nel loro paese e ad affrontarne le cause intrinseche”.  Intanto, il governo congolese del presidente Joseph Kabila, che dovrebbe lasciare il potere in meno di un anno, accusa la comunità internazionale di esagerare la crisi umanitaria e allontanare gli investitori. In particolare, si contesta la scelta dell’ONU di aver innalzato lo scorso ottobre il livello di allarme “umanitario 3” in tre regioni del paese (Kasai, Sud Kivu, Tanganica). Per Kinshasa, questa classificazione è sbagliata in quanto paragona la Repubblica Democratica del Congo ai paesi devastati dalla guerra come la Siria e lo Yemen.

Nella RDC, il boicottaggio del governo congolese, che vuole anche rifiutare qualsiasi aiuto esterno per finanziare il processo elettorale, acuisce le tensioni. “Questo atteggiamento è irresponsabile e criminale. È un cinismo assoluto (…) Kabila usa l’arma della fame per tenere il suo popolo sotto la dittatura “, ha accusato in una dichiarazione l’oppositore in esilio Moise Katumbi, candidato alle elezioni presidenziali del 23 dicembre.

L’immensa Repubblica Democratica del Congo (2,3 milioni di km2, nove confini) subisce in alcuni punti del suo territorio i conflitti alimentati dalle milizie e dai gruppi armati, che l’esercito regolare e la più importante missione delle Nazioni Unite del mondo – Monusco–  non riescono a porvi fine. Grave la situazione nella regione di Kivu, nel Tanganica (sud-est), un conflitto tra milizie bantu e pigmei nel 2016-2017 ha lasciato centinaia di migliaia di sfollati, a Kasaï (al centro), la regione sta lottando per riprendersi dalla violenza tra le forze di sicurezza e le milizie politico-religiose Kamuina Nsapu.

Questa insicurezza aggrava la situazione dei congolesi, che vivono per la maggior parte nella povertà, in questo paese pieno di energia, dove la ricchezza del sottosuolo rappresenta la fortuna di pochi e la sfortuna di molti.

Algeria: Sale ad almeno 257 il numero delle vittime dell’aereo militare algerino precipitato a Boufarik. Lo riferisce Al Jazeera citando la televisione di Stato algerina.

Egitto: Riattivati i collegamenti diretti con Mosca, interrotti dopo l’attentato dinamitardo rivendicato dall’Isis che nell’ottobre 2015 fece precipitare nel Sinai un charter russo Metrojet decollato da Sharm el Sheikh, uccidendo le 224 persone a bordo. Lo riferiscono il sito della compagnia di bandiera Egyptair e l’agenzia Mena.

Libia: “Il generale libico Khalifa Haftar è morto, lo confermano fonti diplomatiche”: lo scrive ‘The Lybia Observer’ in un tweet. Un testo analogo, senza indicazioni di fonti e precisando “a Parigi”, è stato pubblicato dal sito Libyan Express. Non ci sono tuttavia ancora conferme ufficiali del decesso.

Guinea: Sei militanti politici sono stati arrestati, e altri tre sono ancora in fuga, tutti accusati di “incitazione all’odio etnico” nel quadro delle violenze post elettorali.

Americhe

VIII Summit delle Americhe, forum presidenziale composto da 35 paesi del continente.

Perù: Si è concluso l’VIII Summit delle Americhe, forum presidenziale composto da 35 paesi del continente. Unico assente Nicolás Maduro, non invitato dalla nazione ospitante, il Perù. La situazione economica e politica in Venezuela è stato il tema centrale del Forum. Di seguito le più importanti dichiarazioni.

“Saremo implacabili con il regime oppressivo del Venezuela”, ha detto il presidente colombiano Juan Manuel Santos. La Colombia condivide un confine con il Venezuela e riceve un gran numero di emigranti, e Santos ha ribadito che il suo governo non riconoscerà i risultati delle elezioni presidenziali e legislative del maggio convocate dal regime di Maduro.

“Non possiamo guardare dall’altra parte, dove c’è un processo politico senza garanzie minime, ignoreremo tutte le elezioni che derivano da tale processo, perché non si tratta di elezioni democratiche”, ha detto il presidente argentino Mauricio Macri. Ha anche espresso la sua preoccupazione per la crisi umanitaria in Venezuela, dove “milioni sono costretti a lasciare le loro terre e soffrono quotidianamente per la mancanza di cibo e servizi di base”.

Il presidente del Cile, Sebastián Piñera, ha invitato il governo del Venezuela a “incontrarsi di nuovo sulla via della democrazia” ea riconoscere la crisi umanitaria che “condanna la fame e la morte” a molti cittadini di quel paese.

Il presidente del Messico, Enrique Peña Nieto, ha chiesto il “ripristino della democrazia” in Venezuela e confido che possa essere raggiunto con mezzi pacifici. Il governatore ha sottolineato che “oggi praticamente in tutto il continente ci sono governi democratici” e che “in questo contesto” è “preoccupato per la grave situazione in Venezuela”.

Il presidente di Panama, Juan Carlos Varela, che ha recentemente ritirato il suo ambasciatore a Caracas e ha annunciato che non riconoscerà i risultati di maggio, ha condannato “l’indebolimento della democrazia” in Venezuela e ha denunciato l’esodo di massa dei cittadini di quel paese.

“La democrazia è uno dei pilastri della nostra integrazione”, ha ricordato il presidente del Brasile, Michel Temer, che ha chiesto una soluzione democratica alla situazione con il sostegno del gruppo di Lima (formato da 12 paesi dell’America Latina, i più critici nella regione). verso il regime di Maduro) e l’Organizzazione degli Stati americani (OAS).

Primo Ministro del Canada, Justin Trudeau ha denunciato la violazione dei diritti umani in Venezuela, a loro discrezione “del tutto inaccettabile” e ha esortato gli altri paesi membri dell’Organizzazione degli Stati americani (OSA) a lavorare insieme per ristabilire la democrazia in quel paese. Il Vicepresidente degli Stati Uniti, Mike Pence, personalmente ringraziato il presidente peruviano Martin Vizcarra, la posizione “forte” di Lima contro il governo di Nicolas Maduro e ha promesso che Washington continuerà a premere politicamente ed economicamente Caracas. Solo, e come era prevedibile, Cuba e Bolivia hanno assunto una posizione diversa. Il capo della diplomazia cubana, Bruno Rodriguez, ha deplorato l’esclusione del presidente venezuelano del vertice di Lima e quello che ha chiamato “un affronto a tutti i popoli d’America e battuta d’arresto storico imposto” da parte degli Stati Uniti “Come la voce del Venezuela siamo qui per difendere la loro autodeterminazione “, ha detto Rodriguez, che ha augurato a quel paese, il principale alleato di Cuba nella regione,” i successi “alle elezioni presidenziali di maggio.

Cile: Un terremoto di magnitudo 6.2 è stato riportato nella città di Ovalle. Lo riporta il centro sismologico americano Usgs spiegando che l’epicentro è stato registrato ad una profondità di 76 chilometri, a 54 chilometri a sudovest dalla cittadina. Non si hanno, al momento, notizie di danni a cose o persone.

Messico: Il presidente messicano Enrique Pena Nieto ha ordinato ai membri del suo gabinetto di procedere a una minuziosa revisione di tutti gli accordi di cooperazione che il suo paese ha sottoscritto con gli Stati Uniti, dopo che Donald Trump ha inviato unità della guardia nazionale sulla sua frontiera meridionale. Lo ha annunciato il governo in un comunicato ufficiale.

Nicaragua: Circa 5 mila ettari di foresta tropicale sono stati distrutti finora da un incendio all’interno della Riserva Biologica Indio Maiz, nell’estremo sudorientale del Nicaragua, sulla frontiera con il Costa Rica, in quello che potrebbe diventare uno dei disastri ecologici più importanti nella storia del paese centroamericano. “

Asia

 

Cina: La Cina allenterà i limiti agli investitori stranieri nel settore dell’auto e taglierà i dazi all’import di veicoli: sono alcune delle misure annunciate dal presidente Xi Jinping parlando al Forum di Boao, nell’isola di Hainan, e assicurando un “allineamento” del sistema cinese alle norme finanziarie e del commercio internazionali. Xi ha elencato quattro passaggi guida: più apertura dei mercati, ambiente più attrattivo per gli investimenti, protezione effettiva della proprietà intellettuale e ampliamento delle importazioni. La particolare enfasi posta da Xi al settore dell’auto rimanda inevitabilmente al ‘tweet’ del presidente americano Donald Trump, che ha definito “un commercio stupido” la pratica consolidata che vede i veicoli esportati dalla Cina agli Usa sottoposti a dazi del 2,5%, a fronte del 25% imposto in direzione contraria. Nel suo intervento di circa 50 minuti, Xi non ha fatto una diretta menzione del tycoon e del contenzioso bilaterale sul commercio: ha rinnovato l’affermazione che la Cina ha la postura d’apertura e che la porta “non sarà chiusa, ma aperta di più”. Per questo, i mercati saranno più accessibili alle compagnie straniere e Pechino “ribasserà significativamente” i dazi sulle importazioni di auto (e di altri beni) quest’anno e allenterà i limiti alla proprietà “quanto prima possibile. Prenderemo – ha aggiunto – l’iniziativa di ampliare l’import di prodotti che sono competitivi e di cui il popolo cinese ha bisogno”.

Azerbaijan: Il presidente azero Ilham Aliyev è in testa nelle elezioni presidenziali con l’86% dei voti. Lo ha detto il presidente della Commissione Elettorale centrale dell’Azerbaigian, Mazahir Panahov, in una conferenza stampa. Quando le schede scrutinate sono ormai il 92% del totale, Aliyev è dunque di fatto il vincitore e potrà contare su un quarto mandato. “Penso che potremo annunciare i risultati delle elezioni domani mattina”, ha precisato Panahov. Lo riporta Interfax. ( per approfondire : Azerbaijan: Informazione libera per conflitti e pace )

Giappone: Un violentissimo terremoto di magnitudo 6.1 si è verificato nel Giappone occidentale, con epicentro nella città di Ohda, a circa 800 chilometri a ovest di Tokyo. L’ipocentro è stato localizzato 12 km sotto terra. Ne dà notizia l’Agenzia meteorologica giapponese.
Nonostante la violenza del sisma, al momento si contano soltanto cinque persone ferite in maniera lieve..

Kashmir: Almeno due soldati indiani sono morti a causa di colpi di armi pesanti e leggere sparati dal lato pachistano della Linea di Controllo (LoC, confine ufficioso indo-pachistano in Kashmir). Lo riferisce la tv Zee News. L’emittente cita imprecisate fonti locali per aggiungere che i due militari, rimasti gravemente feriti nel settore di Sunderbani, sono poi morti una volta ricoverati in ospedale. Da almeno due anni gli episodi di questo genere lungo la LoC si sono ripetuti ed intensificati, con moltissime vittime civili e militari denunciate dalle due parti. (Per approfondire : Il triangolo India-Pakistan-Kashmir: storia di un conflitto mai risolto.)

Europa

 

Victor Orban

Ungheria: Le elezioni in Ungheria hanno registrato la vittoria partito Fidesz del premier Viktor Orbán con il 50% dei voti, ottenendo 134 seggi sui 199 che formano il parlamento ungherese, conservando la maggioranza assoluta nel Parlamento. Guadagnano molti consensi salendo al 20 per cento i suoi rivali di Jobbik, partito trasformatosi da ultradestra xenofoba e antisemita in centrodestra presentabile. I socialisti (ex comunisti) sono all’11,85 per cento che arriva al 12 per cento sommando i piccoli alleati verdi. Tutti gli altri partiti sono rimasti sotto lo sbarramento di 5%, non riuscendo a ottenere seggi.

Orbán ha concentrato la campagna elettorale sul no ai migranti e sull’accusa (nome per nome) a tutti gli oppositori di essere agenti stranieri al servizio della presunta congiura del tycoon americano di origini ebree ungheresi Soros, per islamizzare l’Europa favorendo le ondate migratorie. Sotto Orbán l’Ungheria ha vissuto e vive una delle crescite economiche più robuste della Ue, ampi investimenti industriali di alta tecnologia, bassa disoccupazione e conti sovrani sotto controllo, ma negli ultimi giorni, migliaia di manifestanti dell’opposizione sono scesi in piazza a Budapest per chiedere un riconteggio del voto che ha consegnato a Viktor Orbán un quarto mandato da primo ministro, e per chiedere una riforma del sistema elettorale.I manifestanti hanno marciato in corteo dal Teatro dell’Opera al Parlamento, gridando slogan come “Viktator!”, parafrasando il nome di battesimo di Orbán, e contro Fidesz.

Grecia: L’ex ministro delle Finanze greco, Yanis Varoufakis, intende candidarsi alla carica di primo ministro alle prossime elezioni politiche in Grecia. Lo ha detto nel corso di un’intervista all’emittente turca Trt. Diem25, il movimento progressista pan-europeo fondato da Varoufakis, ha da poco lanciato la sua ala greca, MeRA25, che intende contrastare le politiche di austerità che hanno devastato l’economia e la società elleniche negli anni della crisi.
Russia: Il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov, citando i risultati di un’analisi indipendente condotta da un laboratorio svizzero, sostiene che la sostanza usata per avvelenare gli Skripal in Gran Bretagna “non sia di tipo Novichok”, che peraltro “il rapporto definitivo dell’Opac non menziona”, bensì “il composto chimico BZ, in dotazione di Stati Uniti, Gran Bretagna e alcuni paesi Nato”.

Serbia: Il Tribunale penale internazionale dell’Aja (Tpi) ha in parte rovesciato la sentenza di assoluzione in primo grado del leader ultranazionalista serbo Vojislav Seselj, condannandolo a dieci anni di reclusione per crimini contro l’umanità.

Slovenia: In Slovenia si voterà il 3 giugno prossimo per le elezioni parlamentari anticipate. Lo ha annunciato il presidente Borut Pahor, che ha al tempo stesso firmato il decreto di scioglimento del parlamento, stabilendo lunedì come data per l’espletamento dei compiti elettorali. Pahor ha espresso anche l’auspicio per un confronto disteso e tollerante fra i gruppi politici, aggiungendo che si augura un risultato chiaro e netto dalle urne.

UE: Dall’inizio dell’anno, 557 migranti hanno perso la vita nel Mediterraneo mentre tentavano di raggiungere l’Europa, secondo le ultime stime rese note oggi a Ginevra dall’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim). Dal primo gennaio all’11 aprile, 16.847 migranti sono entrati in Europa via mare, contro i 33.602 segnalati nello stesso periodo dell’anno scorso. La maggior parte sono arrivati in Italia ed il resto in Spagna, Grecia e Cipro. Secondo il ministero dell’Interno italiano – citato dall’Oim – 6.894 migranti sono arrivati via mare in Italia, 74,53% in meno rispetto allo stesso periodo del 2017 (27.069).

Medio Oriente

 

inRead invented by Teads LE FORZE IN CAMPO Aree di controllo al 9 aprile 2018. (Fonte: Ihs conflict monitor, Institute for the study of war)

SiriaIl presidente americano Donald Trump ha avuto un colloquio telefonico con il presidente francese Emmanuel Macron e il premier britannica Theresa May, che ha ringraziato per il sostegno dato agli Usa nell’attacco in Siria. I tre leader – informa la Casa Bianca – hanno convenuto sul fatto che i bombardamenti “hanno avuto successo” ed erano necessari per indebolire il programma di armi chimiche di Damasco, e hanno ribadito come la priorità in Siria sia quella di sconfiggere definitivamente l’Isis.

Per il momento si tratta di un ‘one-time shot’, come l’ha definita  James Mattis, un’azione unica. A cui però potranno seguirne altre se Damasco farà nuovamente ricorso ai gas: “Abbiamo dato alla diplomazia chance su chance. Ora il tempo delle parole è finito, e se la Siria userà ancora i gas gli Stati Uniti hanno il colpo in canna e sono pronti a sparare”, ha minacciato senza mezzi termini l’ambasciatrice Usa all’Onu Nikki Haley durante la riunione del Consiglio di sicurezza convocata d’emergenza al Palazzo di Vetro di New York

Mentre a Mosca, dove si minacciano “conseguenze”, monta l’ira di Vladimir Putin, che parla di “aggressione” e definisce l’azione di Usa, Francia e Regno Unito come “una violazione del diritto internazionale”. Anche se la Russia si è vista bocciare una risoluzione di condanna dell’attacco dal Consiglio di sicurezza dell’Onu. Per ora dunque si è trattato di una sola ondata di raid aerei e di missili partiti dalle navi posizionate nelle acque del Mar Rosso, una pioggia di circa 100 colpi. E un’azione “limitata e proporzionata”, mirata a colpire il cuore del programma di armi chimiche del governo siriano. Tre gli obiettivi militari centrati: un centro di ricerca scientifica a Damasco, un sito di stoccaggio per armi chimiche a ovest di Homs e un importante posto di comando situato nei pressi del secondo obiettivo. Ma la lista dei target possibili è molto più lunga.

Dietro la guerra di parole tra Washington e Londra da una parte e Mosca dall’altra, appare però sempre più evidente come l’operazione della coalizione guidata dagli Usa sia stata in qualche modo ‘condivisa’ con le autorità russe, di fatto informate sui target individuati per limitare i danni ed evitare incidenti. “Il canale con Mosca per prevenire conflitti in Siria è aperto già da diversi mesi”, hanno affermato i vertici del Pentagono rispondendo a chi chiedeva se i russi fossero stati avvisati prima dell’attacco.

In Siria sono arrivati gli ispettori dell’Opac, l’organizzazione che vigila sul rispetto dei trattati sulle armi chimiche. Il loro lavoro per raccogliere prove dell’uso di gas da parte di Assad comincia in queste ore. Trump, Macron e May non hanno voluto aspettare, convinti che cloro e sarin a Duma lo scorso 7 aprile siano stati davvero usati dalle forze di Damasco. Delusione fra i ribelli su portata raid – Sono di delusione, secondo la Bbc, le prime reazioni di alcune delle maggiori milizie ribelli siriani anti-Assad ai raid occidentali. Mohammad Alloush, di Jaish al-Islam, fazione islamico-radicale ma sostenuta dagli Usa i cui miliziani sono stati gli ultimi ad abbandonare Duma dopo la sconfitta nella Ghuta, parla di “attacco insignificante”. 

 Libano: Il capo dell’Hezbollah libanese, Hassan Nasrallah, ha definito un “errore storico” l’attacco aereo compiuto da Israele contro una base aerea in Siria, Secondo Nasrallah, si apre una “nuova fase” e pone Israele in un “scontro diretto” con l’Iran.

Israele: Il leader del partito laburista israeliano Avi Gabbai ha annunciato la sospensione dei rapporti con Jeremy Corbyn. “Non stai svolgendo il tuo ruolo – ha scritto Gabbai a Corbyn, citato dai media – di contenimento dell’antisemitismo nel tuo ambiente. Le tue dichiarazioni pubbliche sono impregnate di astio verso Israele”.

Fonti: Lavanguardia ; Ansa ; La Repubblica ; JeuneAfrique ; The Lybia Observer ; Trt. Diem25  ;

Scarica PDF

Vai alla barra degli strumenti