È tempo di rendere di nuovo grande l’umanità

È tempo di rendere di nuovo grande l’umanità

Confronto tra l’internamento delle famiglie giapponesi durante la seconda guerra mondiale e l’attuale situazione al confine con gli Stati Uniti


Libri Consigliati

 

 


Il mio insegnante al liceo iniziò la prima lezione di storia ricordandoci che “la storia non si ripete, ma spesso fa rima”. Di solito, le persone attribuiscono questa citazione a Mark Twain, anche se penso che si adatti perfettamente al caso su cui voglio concentrarmi.

Durante le ultime amministrazioni, un problema comune che gli Stati Uniti hanno dovuto affrontare è come gestire molte famiglie di immigrati provenienti dall’America centrale. È stata trovata una sorta di soluzione nel metterli in centri comuni ai confini. Anche se qualcuno potrebbe preferire non usare il termine “campi di detenzione” perché richiamerebbe l’orrore della shoah, e sembra impossibile aver ricreato circostanze così orribili, ciò che abbiamo al confine sono esattamente campi di detenzione.

L’amministrazione Trump non è la prima ad adottare questa soluzione, già con l’amministrazione Obama, prima, si sono verificati casi simili. Negli ultimi cinque anni, la situazione peggiora ogni giorno. Questo però non è un nuovo approccio per gli Stati Uniti, dopo la seconda guerra mondiale, infatti, molti giapponesi americani furono chiusi nei campi di detenzione, perché visti come possibili spie. La somiglianza di queste due situazioni è cresciuta alcune settimane fa quando è stato deciso che circa 1400 bambini migranti sarebbero stati trasferiti a Fort Still, un precedente campo di internamento.[1]

Le differenze e le similitudini di due problemi che, anche così distanti, sono estremamente simili. Non solo per come sono stati creati, ma per i principi su cui si basano e per gli scopi che raggiungono. Dopo l’attacco a Pearl Harbor il 7 dicembre 1941, ogni singolo americano giapponese fu sospettato di essere un traditore senza alcuna prova a sostegno. Da quel momento i giapponesi furono visti come nemici, non importava se fossero cittadini legalmente americani, “un giapponese è un giapponese”, come riportato da Ngai[2]

Alcuni di loro erano già stati controllati dall’FBI poiché identificati come potenzialmente pericolosi. Il governo presumeva che tutti i giapponesi negli Stati Uniti fossero “razzialmente inclini alla slealtà” (Ngai p175), quindi fu creato un elenco, chiamato elenco ABC, che conteneva il nome di quasi 2000 residenti giapponesi sospetti.

All’inizio, il presidente Roosevelt[3] impose l’ordine esecutivo 9066[4], riferito a “tutti gli antenati giapponesi, sia stranieri che non” (Ngai p. 175) che avrebbe impedito loro di entrare nelle aree militari per evitare sabotaggi e, successivamente, li costrinse ad essere internati nei campi di detenzione della costa occidentale senza alcun processo.
Quelli erano meglio noti come “centro di trasferimento” e alle persone, si diceva che sarebbero stati semplicemente “internati”, non detenuti. In pochi giorni quasi 120.000 giapponesi americani, due terzi dei quali erano cittadini americani, furono tenuti nei campi, senza escludere bambini e famiglie.

Durante il periodo di internamento, tutti gli internati dai diciassette anni dovettero sottoporsi ad un “test di lealtà”, per individuare i possibili fedeli e separarli dall’altra parte. Chi appariva essere il più fedele avrebbe avuto la possibilità di lasciare il campo e andare sulla costa occidentale per lavorare o avere un’istruzione, dopo aver dimostrato di avere uno sponsor.
Ngai ha descritto come le persone sleali vennero identificate come “persone che hanno indicato il loro desiderio di seguire lo stile di vita giapponese” e quelle di lealtà come  coloro “che desiderano essere americani”. Earl Warren, il procuratore generale dell’epoca, cercò di concentrarsi sul vero successo del test e finì col ritenere che fosse impossibile dimostrare la lealtà del popolo giapponese. Sarebbe stato più facile con italiani e tedeschi. Con la cosiddetta razza caucasica, difatti, ci sarebbero state più possibilità di testare la loro lealtà.

Il questionario era composto da diverse domande sul loro background, la loro istruzione e la cultura praticata a casa. Due erano i punti nevralgici: i numeri 27 e 28.
Il primo era sulla possibilità di combattere per l’esercito americano in caso di necessità, e il secondo chiedeva se, in caso di attacco, avrebbero preso la parte degli Stati Uniti.

Ovviamente, questa mossa strategica non ha avuto l’effetto desiderato. La maggior parte della gente rispose “no” a entrambe le domande allo scopo di rimanere insieme nei campi e di non vedere i loro figli arruolarsi nell’esercito.

Alcuni mesi dopo il Congresso approvò gli atti di denaturalizzazione, che avrebbero permesso alle persone di rinunciare volontariamente alla loro cittadinanza. Ma anche questo sforzo fu vano e ottenne più rinunce del previsto. Molti di loro vennero costretti dai genitori o dall’atmosfera di pressione del campo.

La vita laggiù non era così facile, gli internati venivano divisi in piccole strutture, sempre sotto gli occhi dei militari, senza acqua corrente e con nessuna privacy. Dopo Hiroshima, Nagasaki e la resa giapponese, i campi furono chiusi e sempre visti come una brutale violazione dei diritti umani perpetrata dai governanti contro i cittadini. Di recente, la Corte Suprema si è pronunciata sul “Caso Korematsu”[5], risalente al 1994, affermando che il trasferimento forzato di cittadini statunitensi nei campi di concentramento, esclusivamente ed esplicitamente sulla base della razza, è oggettivamente illegale e al di fuori del campo di applicazione dell’autorità presidenziale”.[6]
Inoltre, ancora una volta, l’internamento giapponese è riconosciuto come un vergognoso errore, e questo famoso precedente rimane legge perché non vi è alcuna possibilità di annullarlo.
Dopo così tanti anni, è stato riconosciuto che tradire un’intera popolazione solo per la razza o per l’etnia è assolutamente inaccettabile. Tuttavia, eccoci qui, a quasi novant’anni di distanza, ripetendo lo stesso errore nel tentativo di giustificarlo.

In questo momento, anche se nessuno chiede agli immigrati al confine un giuramento di lealtà, la situazione non è molto diversa da quella passata. Il punto di partenza per la creazione di una tale politica selettiva è avvenuto in modo molto simile all’attacco di Pearl Harbor, mi riferisco all’11 settembre e alla conseguente guerra al terrorismo.

Inoltre, in questo caso, l’attacco alla comunità americana spinge il governo a lasciare la correttezza e operare apertamente con discriminazione, scetticismo e ingiustamente.
Il desiderio di proteggere i cittadini americani e la paura di affrontare un altro attacco terroristico trasformano la legge e la politica sull’immigrazione. Ogni singolo spazio di confine è visto come vulnerabile e come un modo possibile per far entrare il terrorista. L’obiettivo principale di proteggere il paese, ancora una volta, è in contrasto con l’opportunità di costruire una terra più umana. Come nel caso giapponese, gli alieni vengono trattati con sospetto, identificati come una minaccia per la Nazione e detenuti principalmente per il fatto di far parte di un diverso gruppo razziale. Sfortunatamente, il sistema dei pregiudizi non cambia mai nel corso degli anni. L’unica differenza è che nel caso storico le persone erano perfettamente cittadini americani, al giorno d’oggi sono tutti privi di documenti e il loro numero aumenta ogni anno. Se il governo si è permesso di trattare come cattive persone coloro che erano cittadini, che trattamento ci si deve aspettare con gli stranieri?

Anche questa volta nessuno ha il coraggio di affrontare la verità e il governo è estremamente opaco su questo tema. Purtroppo, è giunto il momento di ammettere che queste persone, questi esseri umani, sono detenuti in campi di concentramento. È più facile ignorare di nuovo la loro presenza e mentire sulla loro vera essenza. Non importa se le persone sono rinchiuse in vecchi supermercati o stazioni abbandonate, qui non hanno alcun diritto o alcuna possibilità di controllare e vivere la propria vita come esseri umani. Esattamente come è successo ai giapponesi e agli ebrei.

Mentre Alexandra Ocasio-Cortez ha twittato alcune settimane fa “Stiamo chiamando questi campi come sono perché si adattano perfettamente a un consenso e una definizione accademici”. I bambini e le loro famiglie sono detenuti in luoghi sovraffollati dove non c’è modo di fare la doccia o lavarsi i vestiti, in condizioni pericolose e antigieniche. Secondo la legge sulle pattuglie di frontiera, i minori non accompagnati potrebbero essere trattenuti solo per 72 ore, dopodiché dovrebbero essere trasferiti al Dipartimento della sanità e dei servizi umani[7]. Ma in realtà spesso si affrontano settimane di internamento forzato.

Una differenza che può essere trovata tra la situazione attuale e quella precedente, è il fatto che durante l’internamento giapponese, le famiglie vennero riunite, quindi per la maggior parte di loro, condividendo lo stesso dolore, ha dato loro la forza di andare avanti. Ciò consentì loro di creare una sorta di ambiente familiare in condizioni disperate. Al contrario, al giorno d’oggi, i bambini sono separati dalle loro famiglie, chiusi in piccole celle con sporadiche opportunità di giocare. Come mostrato dall’articolo di The Guardian e The Los Angeles Times[8], donne e bambini dormono sul pavimento con poche coperte che li proteggono dal freddo e, nell’estate del 2019, quasi 37 bambini piccoli sono stati chiusi in furgoni per più di due giorni in un parco del centro di detenzione. Nel 2018, l’amministrazione Trump ha separato oltre 2300 bambini dalle loro famiglie alla frontiera e ha introdotto la politica di “tolleranza zero” che aiuta a perseguire tutti i migranti sospettati di attraversare illegalmente la frontiera. Quindi, se i genitori giungono al confine, sono perseguibili dalla legge e potrebbero essere automaticamente separati dai loro figli e messi in prigione. Nonostante i tentativi della Corte di eliminare questa politica orribile e vergognosa, tuttavia continua.

Questa politica suona come “Jap is a jap“. In entrambi i casi il giudizio si basa solo su indagati, presunzione e discriminazione. Le persone sono trattate come criminali, anche l’unico “peccato” che hanno commesso è nato in un paese che non consente loro di vivere una buona vita o avere diversi caratteri somatici.

La politica di detenzione dei richiedenti asilo, solo per il loro stato migratorio, è una chiara violazione del diritto internazionale. Inoltre, come è successo con i giapponesi, i detenuti senza accusa violano la Convenzione delle Nazioni Unite contro la tortura, ratificata dagli Stati Uniti.

I nuovi internati si stanno muovendo dalla loro città natale per fuggire dalla crudeltà, dalla povertà alla ricerca di una vita migliore e questo è ciò che devono affrontare. Sembra che questo tipo di trattamento sia usato come una sorta di deterrenza per scoraggiare le persone dall’entrare negli Stati Uniti.

Nel 1988 il presidente Ronald Reagan firmò il Civil Liberties Act[9] con lo scopo di scusarsi con i giapponesi per l’internamento e offrendo una riparazione di 20.000 $ a ciascun sopravvissuto. Il presidente ha affermato che “poiché qui ammettiamo un errore; qui riaffermiamo il nostro impegno come nazione per la parità di giustizia secondo la legge”. Dopo quelle scuse formali, come è possibile ripetere tutto? Vedremo un tale atto da parte di un’amministrazione al giorno d’oggi? Le famiglie internate alla frontiera riceveranno scuse adeguate? O meglio, recupereranno i loro diritti? Anche se quelle persone internate sono prive di documenti e non sono cittadini americani, rimangono sempre esseri umani.

Dovremmo avere una “tolleranza zero” per il trattamento riservato agli immigrati alla frontiera. Come in passato, anche adesso, questa politica di detenzione avrà un impatto brutale sugli internati. La separazione dei bambini dai loro genitori o amici causerà loro un trauma psicologico, oltre all’atmosfera di terrore che respirano nei campi potrebbe far loro soffrire di gravi disturbi d’ansia.

Anni fa non c’erano così tante possibilità per i media di coprire questo tipo di storie ma, proprio ora, nell’era digitale, avrebbero dovuto operare per rivelare la verità e rendere il mondo consapevole di ciò che accadeva al confine di uno dei i paesi più potenti di tutto il mondo.
Solo l’indifferenza può consentire l’incarico di tale disumanizzazione. Se ci fu una sorta di silenzio durante l’internamento giapponese, ora è importante usare la voce per scuotere le coscienze.

L’attuale amministrazione dovrebbe tenere presente che non è una cosa positiva da ricordare il riportare alla luce campi di detenzione. Probabilmente la situazione attuale è persino peggiore rispetto alla precedente. Ora dobbiamo affrontare milioni di civili maltrattati nel paese d’ origine e in quello in cui fuggono, bambini rinchiusi in gabbie che muoiono e le famiglie separate. Come nel caso precedente, l’approccio attuale è il sintomo di una crisi globale, ma non causato da una guerra mondiale, ma da un diffuso senso di disperazione, violenza e povertà. Ancora una volta il nazionalismo è arrivato per primo. Secondo questa politica, il paese dovrebbe essere composto e controllato solo da determinate persone e la politica “qualunque cosa serva” utilizzata, si adatta perfettamente. La storia ci mostra che non sempre le persone sono disposte a imparare dal passato e dagli errori precedenti, ma forse questa volta dovrebbe essere quella giusta per migliorare la nostra tolleranza e rendere di nuovo grande l’umanità.


Note

[1] Rolling Stones “Why are Migrant Children being housed at the site of a WWII Internment Camp?”, 12 giugno 2019

[2] Mae Ngai, storico americano, “impossible subjects: illegal aliens and the making of modern america, Princeton University Press

[3] https://www.opiniojuris.it/roosevelt-nel-processo-formazione-delle-nazioni-unite/

[4] https://www.history.com/this-day-in-history/fdr-signs-executive-order-9066

[5] https://www.unive.it/media/allegato/dep/Ricerche/8_Daniels3.pdf

[6] NY Times, “Korematsu, Notorious Supreme Court Ruling on Japanese Internment is finally tossed out”, 26 giugno 2018

[7] Penn State Law, “executive order on family detention: what you need to know”, 20 giugno 2018

[8] https://www.latimes.com/politics/la-na-pol-trump-refugee-camp-rio-grande-migrants-border-20190708-htmlstory.html

[9] https://www.saturdayeveningpost.com/2018/08/30-years-ago-civil-liberties-act-1988-addresses-wartime-injustice/

 


Foto copertina: San Francisco, California. Molti bambini di origine giapponese frequentarono la scuola pubblica Raphael Weill. Catalogo archivi


Scarica Pdf

 

Giulia Cazzaniga

Laureanda in Giurisprudenza presso l’Università Cattolica del sacro Cuore di Milano. In questi anni di studio ho maturato forti interessi per i diritti umani, il diritto dell’immigrazione e il diritto internazionale penale. Grazie ad esperienze presso università straniere quali LSE e Berkeley ho capito di voler intraprendere una carriera che mi permetta di aiutare gli altri, difendendo gli oppressi e chi non ha voce nella nostra società.

Vedi tutti gli articoli
Vai alla barra degli strumenti