Populism vector illustration. Flat tiny leader manipulation persons concept. Disinformation strategy to lie crowd. Political fake news approach ideology. Trump demagogy speech power to persuade nation

Populism has been defined as a “congenital illness” ever affecting democracies in any time. In front of that, the only successful cure seems to be the application of a good “prevention” strategy, through which they could be identified those constitutional elements most exposed to the risk of being “attacked”. Not casually, that risk is positively related with the democratic worth the same elements take on.


 

From russian narodnicestvo to the american populism, passing through french literary populisme[1] and also the problematic german volkisch[2], populism has been broadening progressively, then adapted to the contingent historical-political contexts and finally used , as a “passe-partout”, to indicate the local perception of a critical phase (this could be social, economic or a political one).

On the other way, the word itself has lost any contact with its ideological base (which could be, for example, that of Dostoevskji’s russian sentimentalism), instead it has been more and more shaped by “plebiscitarian” means. In this latest sense it presents strongly linked with the appearance of complexity in modern urban societies, where segmentation and polyedricism overcome the precedent assets (starting especially with latin-american experiences along XXth century): there demagogy and leaders’ fascination easily occurred. If it is focused by a sociologic point only, populism has never really changed its appearance, ever connoting the sense of confusion, added with a “conservative redemption” one too, both massively perceived and adopted by the population.

However, politically and institutionally considered, (even if this approach could be never define populism as whole), the links between “democratization” and populism’s acent will be clearly demonstrated. That doesn’t want to found a systematic parallelism, rather it can fix a point: everytime the ideas of “more democracy”, “different democracy” or “simplified democracy” have been taken as reply-methods to a critical moment of transition,, the result has been to create deterioration inside the form of government itself.

Notably, the distinction between “form of government” notion and “form of State” concept has been recently connotated the first as an instrument for the second one; likely the “State apparatus” is fundamental way-path to pursue those goals and values appointed by constitutional system. Now this special relationship could be ever damaged since the upper-coming of one on the other: that means the choices taken on the “form of government” side (or any modification here appointed) influence the “form of State”  so much to lead the latter toward progressive corruption, or to be more precise, a drift[3]. So it is easy to comprehend how much important are all these choices (or maybe these no-choices) about “form of government”, just to assume their need to be careful and oriented by pluralism conservation.

Applying all of these facts through the considerations by-now apprehended about the populist-demagogic menace definitely occuring on actual democracies, (whose societies deal with globalization, loss of territories and identity , communitarian phenomenas etc…) the lacks of institutes that mainly preserve constitutional democracy can be forseen., above all among the party-system (including electoral formulas, financing capacity and parliamentary function) and the judicial system. Nor is a case that today often it is told about the income of “presidentialization” in politics issues, and it is discussed about a “judiciary poulism” which is pretending to succed the real judicial action.

Any real “form of government” needs to be grounded on a democratic-State base, because only in this way sepration between powers and effective “checks and balances” system will be pratically possible. This means how form of government could be marked as “presidential”, semi-presidential or parliamentary ones, due to the main way-to-be[4] attached to Executive power (in particular, how it can be elected and how does it exert its power).

Instead its special attributions, in every case the Executive takes part among the “constitutional weights” in the complex structure, starting by the relevant role covered in directing the “policy address” of a State (even though this role is shared with the Parliament).

From this aspect, another conlusion easily arrives: so long the “weights” elements are free to increase themselves, (owing to other components defection), less the “balances” elements will be capable to substain such an unbalanced structure, all reflecting over the “form of State”.

In practical terms, regarding to progressive emargination of the party-role (and that of the Parliament, even essential), actually is provoked by a mix of both internal (the underlined intra-governamental profiles, like difficulties of normative methods affording the rapid social, technologic and economics evolutions[5]) and external issues (mainly the economical and financial clashes or the international-communitarian influences).

Although the same problemi is more frequently attribued to other causes, accusing a parties’ boasted incapacity, instability or corruption, thus shaping a fertile field to be populistic-demagogical pattern nourished. Moreover the parties are carried on by the same party-leaders whose ideas do not perform as democratically-ones (normally the word “party” had already losts its sense so that they use to claim themselves as “anty-systemic”), while they are apparently still working for the “better/more/different” democracy[6].

By increasing this leader’s “primacy” born inside party organisations, substained with the mass-media key-role and the use of plebiscitarian electoral formulas (the “primaries” method prevail on traditional internal-party elections), a swirling process of parties’ “personalization” [7] is triggered, and then, through the large consensus received, it is transformed in “presidentialization” [8] of the entire political structure when the leadership coalization become the majority at the power.

In place of the fair party competition (this one standing for ideas, programs, points of view, dicussions encounters etc..) now there is more and more practised the “face to face” debates, or that of conflits prevalently concerned on the leadering charachters of the groups (aspiring to be the premier or the president, depending on the case), behind which the group itself remain in shadows, covered by its “elected man” figure and reduced as a mere interinal instrument of management and ordinary administration. Consequently, by the “form of State” side, an operative model of  “form of government” like this one (identitarian and far away from society) [9]  does not compare with pluralistic principles or dialectic dynamics tipically part of a liberal-democratic system : it implies that all choices should be based on contingent and occasional situations instead, (as ones determined from crytical factors of the economic-financial issue) [10] either seems to prefer protectionist policies, discriminating non-citizens ones (coming from the urgent need to maintain high internal support), distrusts of the quality functions  devolved to guarrantee institutions (primarly, the judiciary ones).

Otherwise, such a type of involution  presents a more dangerous feature. Even bringing considerable changements at the “heart” of constitutional State, it produces and “moves” inside that informally, leaving no traces in constitutional text, nor in the legislation (having the Executive more reforming powers by emergential decrees and praxis), so that contribues to make unperceptibles the same nocive dynamics and gives more impassiveness to citizens, which are convinced that so long the real “popular” democracy would come out, maybe an integral [11] one.


Note

[1] B.Bongiovanni, op.cit. : «Nel frattempo, stimolata dalla precedente comparsa della parola inglese, nel primo decennio nel Novecento compariva in francese la parola populiste, e non solo come corrispettivo del termine di origine americana, ma anche, e soprattutto, al fine di tradurre il russo narodnik, ovverossia, come recitava il Larousse mensuel illustré del 1907, il “membro di un partito che in Russia sostiene tesi di tipo socialista”: un partito che era evidentemente quello socialista rivoluzionario, largamente maggioritario, appunto in Russia, rispetto alla socialdemocrazia, e incontestabilmente collegato con la stagione eroica del populismo. »; e ancora: «Sul terreno letterario, tuttavia, il termine ebbe, quantomeno in Francia, qualche risonanza positiva. Nel 1929 venne infatti steso, da André Thérive e Léon Lemonnier, il Manifeste du roman populiste, che intendeva aprire la letteratura, e la forma-romanzo in modo particolare, all’universo popolare, alle condizioni di vita e di lavoro del popolo delle città e dei paesi, ai sentimenti degli operai, degli artigiani e dei piccoli commercianti, abbandonando nel contempo da una parte lo sterile cerebralismo delle iper-intellettualistiche avanguardie letterarie e dall’altra l’esasperato “psicologismo” del romanzo borghese. »

[2] B.Bongiovanni, op.cit., : «Il termine volkisch, nei contesti a valenza filosofico-politica, in genere non viene tradotto, perché dato il suo carattere insieme composito ed evocativo, è considerato intraducibile. Volgerlo in “populista” sarebbe certo innaturale e fuorviante, ma qualche elemento di affinità potrebbe essere rintracciato. I cosiddetti Volkischen, comunque, per il fatto di richiamarsi direttamente a ciò che è originario, sono stati considerati da Armin Mohler il primo dei cinque raggruppamenti essenziali che concorrono a formare la nebulosa della “rivoluzione conservatrice”. […] L’elemento popolare o populista compreso nel Volkisch precede comunque, in quanto natura e spirito, la realtà meramente artificiale dello Stato, e resta ontologicamente ed eticamente al di sopra di questa: rappresenta infatti il patrimonio primigenio, e non scalfibile, dello “stare assieme” proprio dei Tedeschi ».

[3] Così, anche quando formalmente la struttura costituzionale rimanga intatta, i cambiamenti che incidono sulla forma di governo possono porsi in irrimediabile contrasto con i principi costituzionali: come durante il regime fascista, che mantenne in vigore lo Statuto albertino , ma adottò riforme sostanzialmente contrarie ad un assetto democratico (come l’istituzione nel 1925 del nuovo “Capo di Governo” e nel 1939 la sostituzione della Camera dei deputati con la Camera dei fasci e delle corporazioni”). Così anche J.Snyder, From Voting to Violence: Democratization and Nationalist Conflict , Norton 2008, 118 in  commento all’ascesa della politica nazionalista di Hitler :  «Racist authoritarian nationalism triumphed at the end of Weimar Republic not despite the democratization of political life, but because of it».

[4] Cfr. A.Spadaro, L’evoluzione della forma di governo italiana: dal parlamentarismo rigido e razionalizzato al parlamentarismo flessibile, con supplenza presidenziale, Quaderni costituzionali, n.1/ 2019, forumcostituzionale.it, 7 : «Per questo, come definizione di “forma di governo” fra le molte possibili, da sempre preferiamo la seguente, che espressamente cerca di tener conto anche di elementi caratterizzanti la forma di Stato: dunque, […] “ il complesso dei ricordati cinque fattori che concorrono a determinare l’assetto del potere esecutivo in rapporto agli altri (definendone il particolare equilibrio nell’ordinamento), assetto che consente di individuare gli organi di indirizzo politico (pesi), distinguendoli da quelli di controllo e garanzia (contrappesi)”».

[5] A.Spadaro, Ibidem, 17, : «è noto che spesso il mondo cambia [..] indipendentemente dalla capacità del diritto internazionale di indirizzarlo e normarlo. Ma anche laddove il diritto appare più hard (e non soft) –ossia sul piano nazionale- esso, a ben vedere, incontra comunque dei “limiti” molto forti. Quasi sempre la società è “più avanti” – o almeno […] “più veloce” –di quanto non lo siano diritto e Stato. In particolare , l’accelerazione sul progresso sociale delle nuove tecnologie […] è impressionante. Accenno solo ad alcuni aspetti che ci fanno capire che siamo ormai nel tempo della post-modernità e che le nuove società, non solo occidentali, tendono ad affrontare le nuove sfide indipendentemente dalle “forme di governo” e , quindi, dagli indirizzi politici nazionali..(segue)».

[6] A.Spadaro, ibidem, 9 : «Il fatto molto preoccupante con cui fare i conti, oggi più di ieri, è che il fenomeno della manipolazione populistica del consenso, che degenera in mero assenso passivo, non è più tipico dei (e prevalente nei) regimi totalitari, ma ormai sembra caratterizzare abbondantemente “anche” le democrazie costituzionali.» Gli esempi di consenso (se ancora così si può chiamare) dato a personalità poste alla testa di gruppi alla ricerca della sola legittimazione popolare sono svariati, se solo passiamo in rassegna le situazioni attuali nelle democrazie più consolidate in Europa (si vedano ad es. le forti influenze del Front National in Francia, della Lega e del Movimento (5 Stelle) in Italia, del Brexit party in Inghilterra, e ancora del Partji voor de Vrijheid (partito per la Libertà) e del BZO (Alleanza per il futuro dell’Austria) rispettivamente per Olanda e Austria), le quali idee spesso sono addirittura sconosciute agli stessi elettori, essendo questi fortemente attirati unicamente dal grande appeal che i leader riescono a guadagnare su di loro. Un fatto che peraltro avvicina gli Stati europei al  modo di “fare politica” tipico della più grande forma di governo presidenziale, gli USA, pur non essendo anche questi immuni dall’ondata populistica : non è un caso che negli Stati Uniti, prima ancora che nel vecchio continente, si sia fatto ricorso al coinvolgimento dei cittadini attraverso gli strumenti offerti dall’alta tecnologia (Open Government, crowdsourcing, polls..), spesso utilizzate a favore di un determinato candidato alla Casa Bianca, com’è successo nel 2012, quando vi è stata la riconferma del Presidente B.Obama, da allora definito “Big Data President”. Gli ampi successi scatenati dalle “nuove democrazie” (web-democracy e simili), contrastano spesso con le stesse “regole del gioco democratico”, in primis con quanto effettivamente risulta dalle elezioni popolari (per rimanere sul territorio Statunitense, basti ricordare che lo stesso B.Obama fu eletto dal 34% degli aventi diritto, il 52% per lui, sul 62% dei votanti; giocando a favore di questo paradossale sistema la presenza dei c.d. grandi elettori, che permettono al candidato di vincere, nonostante il più basso numero di voti popolari: D.Trump, salito alle ultime elezioni nel 2016, ha avuto il 47,3% dei voti, contro il 47,7% dell’avversaria H.Clinton). Ancora, sul punto, A.Spadaro, Ibidem,9 : «Il dramma è che le correnti populistiche pretendono di essere democratiche, ma rifiutano contemporaneamente la democrazia liberale (essendo insofferenti alle “limitazioni” di volontà popolare), la democrazia pluralista, (essendo insofferenti alla mediazione delle formazioni sociali : non a caso è feroce la critica ia partiti) e la democrazia personalista (essendo insofferenti alle garanzie processuali, in nome di facili giustizialismi, per lo più mediatici)».

[7] A.Fumarola, Le tre facce della presidenzializzazione della politica. Come premier e Presidenti comunicano con i loro elettori, wordpress.com, 1 gennaio 2011, : «Tale processo ha indebolito sostanzialmente le strutture del vecchio partito di massa, considerato da molti obsoleto, dando vita ad organizzazioni “leggere”, basate sul leader. Questo si è avuto per una serie di motivi. I mass media, negli ultimi anni hanno incentrato la propria attenzione sempre più sulla figura del leader, considerato in grado di influenzare il comportamento elettorale dei cittadini. E ciò è avvenuto in Italia già negli anni Ottanta con il leader del PSI B. Craxi. Inoltre, anche in Europa, è stata introdotto il ricorso a “pratiche plebiscitarie”, come le primarie, con lo scopo, da parte del leader, di scavalcare le oligarchie di partito e porsi in comunicazione diretta con i cittadini. In tal modo il leader si è sentito sempre più forte di una investitura diretta da parte dei cittadini, convinzione che ha permette di “bypassare” le opposizioni interne al partito. T. Blair ha fatto dell’uso di queste pratiche lo strumento per la scalata al vertice del Labour Party e per accrescerne il proprio potere […] Negli USA invece questo processo ha raggiunto l’apice negli anni Sessanta, quando l’introduzione delle direct primaries e del finanziamento diretto ai candidati e non più ai partiti, uniti ad un crescente sentimento antipolitico verso i partiti e le ideologie, ha svincolato definitivamente i leader dalle oligarchie di partito, rendendoli direttamente responsabili verso i cittadini». Ma l’esempio che rimane il più emblematico in merito al rapporto tra personalizzazione (del partito)/presidenzializzazione (della forma di governo) è quanto avvenuto in Francia in seguito al passaggio dalla IV alla V Repubblica (riforma costituzionale del 1958): proprio per superare l’instabilità della prima (la c.d. “repubblica dei partiti”), si introduce dapprima il sistema parlamentare fortemente razionalizzato, dove il capo dello Stato (che “assicura il regolare funzionamento dei poteri pubblici e la continuità dello Stato”, art 5 Cost.) viene eletto in maniera indiretta (sulla base di un sistema di “grandi elettori”, coniato sull’esempio americano). Successivamente, come era prevedibile, l’esecutivo assumerà sempre più potere, fino ad arrivare ad introdurre l’elezione a suffragio universale (nel 1962). È nota in questo quadro la grande influenza esercitata sulla popolazione dal Presidente eletto C. De Gaulle, che fa ampio uso dei mezzi di comunicazione, (soprattutto la televisione), organizzando celebri conferenze stampa (c.d. “grandi messe”) e rivolgendo il suo appello direttamente ai cittadini (in particolare egli riuscì così a superare l’unica mozione di censura approvata dall’Assemblea Generale durante le V Repubblica contro il governo Pompidou, sciogliendo le Camere e chiamando il corpo elettorale ad approvare il progetto di revisione costituzionale (ex art 11 Cost., e non tramite il normale procedimento ordinario ex art. 90 Cost.), poi ad eleggere la nuova Assemblea, nella quale il partito gollista ottenne chiaramente la maggioranza. Di qui in poi il forte legame tra organizzazione partitica e leader candidato alla carica di Presidente sarà un fattore inevitabile e determinante di tutta la vita politica francese: come dimostrato altresì dalla nascita del nuovo Partie Socialiste (PS) nel 1971, come struttura profondamente rinnovata e “personalizzata” sulla figura del suo leader (futuro Presidente), F.Mitterand.

[8] È innegabile sottolineare quanto negli ultimi decenni la figura del premier (sia nella veste di Presidente dell’Esecutivo, sia in quella di Capo dello Stato, a seconda della forma di governo), sia cresciuta quanto alla sua importanza (politica), e alla sua popolarità: a partire da figure passate alla storia (da quelle dei Presidenti americani F.D.Roosvelt, vero iniziatore del “Presidential government” o di R.Reagan; a quella di M.Tatcher, la “Lady di Ferro inglese”, che ha determinato in tutta Europa il passaggio alle politiche dinamiche e funzionali  del “policy making” , promosse prevalentemente dall’Esecutivo). Da allora le rilevanti difficoltà incidenti sulla c.d. “governabilità” (quali internazionalizzazione, devolution, federalismo..), hanno spinto anche le forme di governo più orientate tipicamente al “parlamentarismo” a porre maggiore attenzione sul ruolo degli Esecutivi : ciò si è potuto verificare il Germania (dove il Cancelliere gode di poteri molto ampi, tra cui quello di essere un vero e proprio “negoziatore” tra le istanze nazionali e quelle dei Lander), e in Italia (seppur con meno evidenza, dato che almeno in teoria, il Presidente del Consiglio non dispone delle stesse attribuzioni di un premier inglese o del Cancelliere tedesco). Sulle recenti evoluzioni in questo senso della  vicenda italiana, V. A. Spadaro, Ibidem, Parte II, l’Evoluzione della Forma di Governo, 20 ss.

[9] L.Ferrajoli, op.cit., 520 : «Scomparsi i partiti quali luoghi della formazione della volontà popolare, il ruolo dei cittadini si è ridotto a quello di spettatori passivi chiamati a scegliere con il voto, come i consumatori sul mercato, i partiti in competizione verso i quali, se non il loro consenso, va il loro minore dissenso. Ovviamente questa mutazione è stata favorita dalla degenerazione degli attuali partiti, trasformatisi in organizzazioni oligarchiche tendenzialmente autocratiche e abissalmente distanti dalla società. È tuttavia accaduto che l’avversione a questi partiti ha finito per indirizzarsi contro i partiti in quanto tali, e quindi per associare, in un comune disprezzo, anche il modello costituzionale dei partiti quali luoghi nei quali i cittadini dovrebbero poter concorrere a determinare la politica dei loro rappresentanti». Anche H.Kelsen, Essenza e valore della democrazia, (1929), tr.it. G.Melloni, in Id. , la Democrazia, Il Mulino, Bologna 1981, cap II, 55-57, si esprime così: «L’ostilità nei confronti dei partiti è in ultima analisi un’ostilità nei confronti della democrazia, equivalendo alla negazione del solo strumento tramite il quale può essere organizzata la rappresentanza politica e, prima ancora, la partecipazione attiva dei cittadini alla vita pubblica». E, per completezza, A.Spadaro, Costituzionalismo vs Populismo, op.cit, 12 : «Bisogna dunque riconoscere che in qualche modo –per ragioni strutturali e intrinseche al mercato politico– un certo tasso di “corruzione” è fisiologico al sistema democratico, che sancisce lo scambio dei voti dei governati con provvedimenti, essenzialmente legislativi, dei governanti. Ne consegue non solo-come tutti sappiamo-che la major pars non è sempre la melior pars, ma che la stessa formazione della melior pars non passa necessariamente da un processo democratico; anzi raramente essa è frutto di un processo democratico. Il che non significa che il processo democratico non sia indispensabile. Semplicemente la forma democratica di legittimazione delle scelte è- si badi- solo “una” di quelle possibili ».

[10] A tal proposito si ripropone (oggi più che mai) l’annosa querelle tra tecnica e politica. Una questione che nasce in concomitanza con l’avvento dello Stato Moderno (XVII-XVIII secolo) , allorchè la creazione di un apparato burocratico stabile ed esperto nei vari settori affianca la figura classica del “politico”, per proseguire poi nel XIX e XX secolo, quando lo “Stato amministrativo” raggiungerà l’apice del successo, aiutato dalle suggestioni sempre più potenti che la “tecnica” provoca sull’essere umano, fino a divenire (come dirà Schmitt) una vera e propria “fede religiosa”. Nell’età dell’alta tecnologia, la dialettica si fa così accesa che essa pone direttamente il problema di quanto la tecnica stia ormai inesorabilmente modificando il modo di gestire e organizzare la vita politica. Sul punto, si esprime A.Sciortino, Il governo tra tecnica e politica: le funzioni, Atti del seminario annuale dell’associazione “Gruppo di Pisa”, Como 20 novembre 2015, in Il Governo tra tecnica e politica, (a cura di) G.Grasso, Editoriale Scientifica, 2016, 17 ss, con un giudizio riguardante in particolare il caso italiano, ma che si può agevolmente applicare anche al resto dei Paesi membri dell’UE : «Il rapporto tra tecnica e politica nell’esercizio della funzione normativa da parte del governo può essere analizzato da varie angolature, da quella relativa alla scelta del tipo di atto a quella concernente la qualità “sostanziale” e i contenuti dell’atto stesso, a quella relativa alla tecnica redazionale dell’atto normativo. Tutti e tre i profili aprono scenari teorici di grande complessità […]Sotto il primo profilo la scelta del tipo di atto normativo […] è fortemente condizionante e, declinata attraverso il rapporto tra tecnica e politica, ci rimette dei dati preoccupanti. Mi riferisco in primo luogo a tutte quelle misure adottate dal Governo italiano di contenimento della spesa introdotte nei notissimi decreti-legge Salva-Italia, Cresci-Italia per esemplificare, o ai decreti del Presidente del Consiglio a contenuto non regolamentare che incidono su fonti primarie, postergando ad esempio l’efficacia di diverse disposizioni di incremento di entrata e di contenimento della spesa, o a tutti quei decreti–legge che, anticipando parti della manovra finanziaria, vengono trasfusi in maxi-emendamenti, su cui viene poi posta la questione di fiducia al momento della conversione in legge. Ciò ha portato a modelli deliberativi sostitutivi del dibattito parlamentare, tutti motivati dall’urgenza di contrastare gli effetti della crisi economica, ma che rischiano di far pagare un prezzo troppo alto alla democrazia rappresentativa. Ciò risulta particolarmente allarmante nel processo decisionale legato alla finanza pubblica che sconta già il peso della rigida tempistica imposto dagli strumenti di governance economica europea sospingendo il Parlamento (ma in generale i Parlamenti nazionali degli Stati membri) in un alveo in cui il suo ruolo diviene davvero marginale, per lo più ratificatorio di decisioni prese in altra sede». Gli esempi più significativi di quanto oramai i governi nazionali (dunque gli “Stati” in generale) siano influenzati  profondamente dalle “ragioni della tecnica” sono tratti dal campo economico-finanziario, in particolare se si guarda sempre al compatto sistema economico-monetario organizzato dai Paesi UE (che coinvolge inevitabilmente le politiche economiche interne, da sempre settore appartenente alla “sovranità” nazionale): l’intreccio tra politica di bilancio promossa dall’Eurozona (di cui sono parte 19  dei 28 Stati membri) e politiche interne dei singoli Stati ha spesso costretto questi ultimi ad apportare modifiche consistenti al testo costituzionale (l’esempio è tratto dal caso italiano, dove, per introdurre il vincolo dell’equilibrio di bilancio stabilito in sede europea, si è proceduto alla revisione del testo costituzionale, con l.1/2012 (modificativa degli artt. 81, 97, 117 e 119); ma allo stesso risultato si è dovuto pervenire nelle Costituzioni di Germania, Spagna e altri paesi dell’Europa centro-orientale). L’apparente “tecnicità” delle decisioni assunte in sede europea nasconde (e spesso sviluppa) in realtà risvolti politici dagli effetti ben più profondi di quanto si possa pensare (v., per citare uno dei casi, la questione tra Germania e BCE in seguito all’approvazione del “programma OMT” da parte di questa, chiusasi a suo favore con la sent. Corte di giustizia dell’UE,  (Grande sezione) del 16 giugno 2015. Su questo e altri fondamentali punti del tema  si rimanda ad A.Sciortino, Ibidem, La politica di bilancio tra governance economica europea ed esercizio della funzione di indirizzo politico, 19 ss). Come pure, è doveroso accennare alla crescita esponenziale dei c.d. “governi tecnici”, che negli ultimi decenni (soprattutto in virtù delle recenti crisi economiche) hanno “invaso” gli assetti costituzionali di molti Paesi europei: per uno sguardo dal punto di vista comparativo v. pure il contributo di F.Duranti, I governi tecnici in Europa, in Ibidem, 219 ss, che a sua volta riporta il duro commento di G.Zagrebelsky, (Moscacieca, Laterza, Roma-Bari, 2015, XIV), : «la politica di fonte alla necessità, è cieca; si è trasformata in convulsa agitazione di tecnici della sopravvivenza; non stupisce affatto che i governi politici siano da tempo soppiantati da governi tecnici, sia pure sotto mascherate politiche» il quale autore sostiene, al contrario, che : «i governi interamente non partitici o “di affari” non occorrono, in realtà, molto frequentemente».

[11] La definizione è spesso utilizzata per indicare un nuovo modo di fare democrazia, che dovrebbe colmare il c.d. “gap” tra cittadini ed istituzioni, facendo dialogare direttamente i primi con le seconde attraverso il rafforzamento degli strumenti di democrazia diretta: dalla replica del min. R.Fraccaro,(ministro per i rapporti con il Parlamento e la democrazia diretta) La disciplina del referendum propositivo farà dialogare cittadini e istituzioni, Il Sole 24 Ore  7 agosto 2018, si legge infatti « Il programma di riforme istituzionali del Governo punta a colmare il distacco tra decisioni pubbliche e volontà popolare in un quadro che non solo rispetti ma arricchisca il pluralismo istituzionale. Per questo la disciplina del referendum propositivo dovrà prevedere un iter capace di far dialogare i cittadini con le istituzioni parlamentari [..]Quanto alle riforme costituzionali che riguardano il Parlamento, la proposta prevede una riduzione del numero di deputati e senatori con lo scopo di aumentare l’efficienza parlamentare[…] La stessa proposta di referendum propositivo e l’abolizione del quorum con riguardo a quello abrogativo hanno lo scopo di far funzionare meglio le istituzioni rappresentative la mia audizione alle Camere e le linee programmatiche richiamate dimostrano che nella nostra impostazione democrazia diretta e democrazia rappresentativa si rafforzano vicendevolmente per innescare un circuito virtuoso. Noi vogliamo attuare la democrazia integrale, nella quale popolo e istituzioni possano entrambi partecipare alla formazione dei meccanismi decisionali come avviene nei sistemi più avanzati. Solo suddividendo i poteri e le responsabilità tra Parlamento e cittadini si potranno evitare le derive della tecnocrazia e dell’ingovernabilità all’insegna della partecipazione attiva». Tuttavia ci sarebbe da riportare la definizione di democrazia integrale data da N.Bobbio, Il futuro della democrazia, Einaudi, Torino, 1984, 41 : «La democrazia integrale è un continuum fra gli estremi della democrazia diretta e della democrazia rappresentativa, che non sono pertanto alternative, ma entrambe necessarie a seconda delle diverse esigenze e situazioni », sostenendo inoltre che gli strumenti (originari) della democrazia diretta (assemblea dei cittadini e referendum), sono e devono rimanere “straordinari”, (in quanto la prima è propria di piccole società, il secondo può essere utilizzato in circostanze eccezionali). Criticare la democrazia rappresentativa (da una parte) e “normalizzare” la democrazia diretta (dall’altra), porterebbe all’(insensata) attuazione dell’ideale di “cittadino totale” sostenuto da Rousseau, corrispettivo di uno “Stato totale”: una situazione che, nell’era della modernità, non può che essere ritenuta illiberale. Ancora, sul punto, S.Prisco, Forme di governo e fattore politico. Conclusioni dal passato e introduzione al futuro, Astrid Rassegna, 10/2018, 10 : «Che i partiti siano elemento dogmatico essenziale della classificazione delle forme di governo [..] o semplicemente (ma in ogni caso non irrilevantemente) fattori di condizionamento del quadro […], è questione che dipende dalle trasformazioni della politica , delle sue regole convenzionali e della democrazia [..] Essa sembra cioè attestarsi stabilmente lungo la –sino ai tempi recenti inusitata- frontiera in cui il sistema politico si riarticola anche attraverso la possibilità dell’interpello telematico in tempo reale dei militanti e più largamente dei cittadini: una chimera che illude qualcuno […] che sia insomma possibile chiudere la frattura che Rousseau rilevava ai suoi tempi […] tra piena sovranità del cittadino nel dì delle elezioni e suo servaggio per tutto il resto del tempo».


Copertina:Illustrazione: Getty Images. Wharton


[trx_button type=”square” style=”default” size=”large” icon=”icon-file-pdf” align=”center” link=”https://www.opiniojuris.it/wp-content/uploads/2020/05/Leaders’-ascent-and-government’s-presidentialization-how-can-democracy-corruption-come-from-the-“heart”-of-the-State-Mozzi.docx.pdf” popup=”no” top=”inherit” bottom=”inherit” left=”inherit” right=”inherit” animation=”bounceIn”]Scarica Pdf[/trx_button]