Repubblica d’Armenia: tra diritti e doveri dei lavoratori


Sintesi del “Labour Code” armeno.


A cura di Alessandro Pio Rotondi

La Repubblica d’Armenia

Le radici della statualità armena risalgono alla fine del XII secolo a.C. Dopo aver perso la sua indipendenza nel XIV secolo, il popolo armeno ha lottato per secoli per riconquistare la libertà e ristabilire lo stato nazionale. La prima Repubblica d’Armenia indipendente è stata fondata il 28 maggio 1918. Dal 1920 al 1991, l’Armenia ha fatto parte dell’Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche (URSS). Il 28 agosto 1990, per esercitare il diritto delle nazioni alla libera autodeterminazione, il Consiglio Supremo della Repubblica Socialista Sovietica Armena (SSR) ha adottato la Dichiarazione di Indipendenza armena. Questo atto legale si basava sulla decisione congiunta del Consiglio supremo della SSR armena e del Consiglio nazionale dell’Artsakh sulla “Riunificazione della SSR armena e della regione montuosa del Karabakh” del 1° dicembre 1989.
Attraverso questa Dichiarazione, il popolo armeno ha espresso l’intenzione di avviare il processo di creazione di uno stato indipendente e di porre la questione della creazione di una società democratica basata sullo stato di diritto. La SSR armena fu ribattezzata Repubblica d’Armenia (Armenia) e le parole “sovietica” e “socialista” furono rimosse dal nome del paese. La Repubblica d’Armenia fu dichiarata Stato autonomo, dotato della supremazia dell’autorità statale, indipendenza, sovranità e potere plenipotenziario.
Durante il referendum tenutosi il 21 settembre 1991, la maggioranza del popolo armeno ha risposto positivamente alla creazione della Repubblica d’Armenia separata dall’URSS. Il 23 settembre 1991 il Consiglio Supremo ha proclamato la Repubblica d’Armenia uno Stato indipendente.
Il 21 dicembre 1991, l’Armenia è diventata membro della Comunità degli Stati Indipendenti (CSI), composta da 11 ex repubbliche dell’URSS. La dichiarazione della sua istituzione è stata firmata ad Alma-Ata, capitale del Kazakistan.
Dopo oltre 15 anni di esistenza della Terza Repubblica in Armenia, sono state avviate riforme economiche per la transizione verso un’economia di mercato e sono stati adottati nuovi quadri legislativi per creare una base istituzionale per il governo democratico dello Stato.

Il codice del lavoro

Il Codice del lavoro della Repubblica di Armenia (LC) è stato adottato il 9 novembre 2004 e si compone di tre parti, 24 capitoli e 266 articoli. Il Codice del lavoro si occupa di vari aspetti dei rapporti di lavoro collettivi e individuali. Tra gli atti giuridici, che integrano o sviluppano ulteriormente le disposizioni della LC, possono essere citati, tra l’altro (in ordine cronologico):

  • Il codice civile (1998);
  • La legge sui sindacati (2000);
  • La legge sul servizio civile (2001);
  • La legge sui salari di lavoro (2001);
  • La legge sulle associazioni pubbliche (2001);
  • La legge sulla remunerazione dei dipendenti pubblici (2002);
  • La legge sul salario minimo (2004).

Contratti di lavoro

L’articolo 83 della LC definisce il contratto di lavoro come un accordo tra un lavoratore dipendente e un datore di lavoro, in base al quale il lavoratore si impegna a svolgere l’attività lavorativa di una determinata professione, qualifica o a svolgere specifiche mansioni secondo le norme stabilite sul luogo di lavoro. Il datore di lavoro si impegna a fornire al lavoratore il lavoro specificato nel contratto di lavoro, a pagargli la retribuzione pattuita e a garantire le condizioni di lavoro previste dalla legislazione del lavoro della Repubblica di Armenia, altri atti giuridici, contratti collettivi e accordo tra le parti. Un contratto di lavoro non deve contenere alcuna condizione meno favorevole ai lavoratori di quelle previste dal diritto del lavoro. Se un contratto di lavoro contiene tali disposizioni, queste sono ritenute non valide (articolo 6 della LC). Gli articoli da 91 a 93 della LC regolano il periodo di prova, che può essere stipulato, a determinate condizioni, al momento della conclusione del contratto di lavoro. Durante il periodo di prova, al lavoratore interessato si applicano tutte le disposizioni della legislazione sul lavoro. In linea di principio, la durata del periodo di prova non dovrebbe superare i tre mesi, sebbene, in alcuni casi, la legislazione armena possa stabilire un periodo di prova fino a sei mesi. Durante il periodo di prova, entrambe le parti del contratto di lavoro, hanno il diritto di recedere dal contratto con un preavviso scritto di tre giorni.
Ai sensi dell’articolo 94 della LC, i contratti di lavoro sono conclusi:

  • A tempo indeterminato (in assenza di disposizioni che ne limitino la validità), oppure
  • A tempo determinato (il contratto specifica la durata della sua validità).

Il capo 15 della LC (articoli da 109 a 130) disciplina in maniera dettagliata la cessazione del rapporto di lavoro.
Il contratto di lavoro può essere risolto di comune accordo tra le parti, a condizione che sia rispettato un preavviso scritto di sette giorni (articolo 110 della LC).
Il contratto di lavoro a tempo determinato si risolve alla sua scadenza (art. 111 TU). Prima della data di scadenza, entrambe le parti devono rispettare il requisito del preavviso scritto di dieci giorni.
La risoluzione del rapporto di lavoro può intervenire su iniziativa del lavoratore (art. 112 TU) o su iniziativa del datore di lavoro (art. 113 TU). Il potere del datore di lavoro è, tuttavia, limitato, in particolare durante l’assenza temporanea del lavoratore, come per malattia o ferie annuali.
Ai lavoratori con responsabilità familiari è garantita una certa tutela in caso di licenziamento (art. 117 TU).
Infatti, in caso di licenziamento collettivo, il datore di lavoro deve informare il Servizio statale per l’impiego e il rappresentante dei lavoratori con tre mesi di anticipo. I licenziamenti sono considerati collettivi se riguardano, nel periodo di due mesi consecutivi, la cessazione del rapporto di lavoro di più del 10% dell’intero numero dei lavoratori, ma non inferiore a dieci persone (art. 116 TU).

Orario di lavoro

Il capitolo 17 (articoli da 137 a 149) della LC tratta dell’orario di lavoro.
L’articolo 139 della LC prevede che la durata normale dell’orario di lavoro non debba superare le 40 ore settimanali, ovvero le otto ore giornaliere.
La durata massima, compreso il lavoro straordinario svolto su richiesta del datore di lavoro, non deve mai superare le 48 ore settimanali e le 12 ore giornaliere.
Una riduzione della durata dell’orario di lavoro riguarda, in particolare, i giovani lavoratori e i lavoratori notturni (articolo 140 della LC).
Lo straordinario è rigorosamente regolamentato, ovvero vengono introdotte alcune limitazioni per i lavoratori giovani e disabili, per i lavoratori con responsabilità familiari o per il lavoro in condizioni di pericolo (art. 144 LC). Lo straordinario non deve superare le quattro ore per due giorni lavorativi consecutivi e le 120 ore all’anno (art. 146 TU). L’articolo 148 della LC disciplina il lavoro notturno. Questo è definito come il lavoro svolto tra le 22:00 e le 6 del mattino

Ferie pagate

L’articolo 33 della CAR prevede che “ogni individuo ha diritto al riposo. La legge definisce l’orario massimo di lavoro, le ferie, nonché la durata minima delle ferie annuali”. Gli articoli da 158 a 170 della LC sono dedicati alla regolamentazione dei congedi retribuiti. Esistono tre tipi di ferie annuali retribuite: minime, prolungate e aggiuntive. Il congedo annuale minimo retribuito in Armenia è di 28 giorni (articolo 159 della LC). Ai lavoratori che svolgono un lavoro in condizioni pericolose o in condizioni di stress intellettuale o emotivo sono concesse ferie annuali retribuite prolungate e aggiuntive fino a 35 giorni (o fino a 48 giorni in alcuni casi eccezionali). Il governo della Repubblica di Armenia (articoli 160 e 161 della LC) stabilisce un elenco delle professioni e delle posizioni in cui è richiesto un congedo retribuito esteso o aggiuntivo. Non è autorizzata la compensazione finanziaria in sostituzione delle ferie annuali retribuite (art. 170 TU), eccezione fatta per la cessazione del rapporto di lavoro.

La maternità

L’articolo 35 della Costituzione armena prevede che “è vietato il licenziamento per motivi connessi alla maternità. Ogni dipendente di sesso femminile durante la gravidanza e il parto ha diritto al congedo di maternità e parentale retribuito a seguito della nascita o dell’adozione di un figlio”.
L’articolo 117 della LC garantisce che i contratti di lavoro per le donne in gravidanza e le donne con figli a loro carico non possono essere rescissi nelle seguenti circostanze:

  • Nel caso di gestanti – dal giorno in cui il datore di lavoro riceve il certificato medico attestante la gravidanza fino alla fine del mese successivo al congedo di gravidanza;
  • Nel caso di donne con figli di età inferiore ad un anno a carico, salvo casi previsti dalla LC, come il fallimento del datore di lavoro.
  • Ai sensi dell’articolo 172 della LC, le donne hanno diritto al congedo pre e post parto conservando l’intera retribuzione:
  • 140 giorni (70 giorni di gravidanza, 70 giorni dopo il parto);
  • 155 giorni (70 giorni di gravidanza, 85 giorni dopo il parto) in caso di parto complicato;
  • 180 giorni (70 giorni di gravidanza, 110 giorni dopo il parto) in caso di gemelli, terzine ecc.

Su richiesta del dipendente, il congedo per l’assistenza all’infanzia è concesso fino al compimento dei tre anni. Questo può essere preso anche dal padre del bambino, dalla matrigna, dal patrigno o da qualsiasi parente che ne abbia la responsabilità (articolo 173 della LC). Le donne incinte e le donne che si prendono cura di bambini di età inferiore a un anno possono essere inviate “in trasferta” solo previo loro consenso (art. 209 LC).

Età minima e tutela dei giovani lavoratori

In Armenia i minori di 16 anni non possono esercitare un’attività lavorativa a tempo pieno (art. 32 CAR). Ai sensi dell’articolo 17 della LC, è vietato assumere una persona di età inferiore ai 14 anni. Il contratto di lavoro può essere concluso per persone di età compresa tra 14 e 16 anni purché l’autorizzazione scritta sia data da almeno un genitore o tutore legale. L’articolo 140 della LC prevede la riduzione dell’orario di lavoro per i giovani lavoratori. L’orario di lavoro per i lavoratori di età compresa tra 14 e 16 anni è di 24 ore settimanali e di 36 ore settimanali per i lavoratori di età compresa tra 16 e 18 anni.

Uguaglianza

Il principio della parità di trattamento è sancito come diritto fondamentale nell’articolo 14.1 della Costituzione armena. Secondo questo testo, “tutti sono uguali davanti alla legge. Qualsiasi discriminazione basata su qualsiasi motivo come sesso, razza, colore, origine etnica o sociale, caratteristiche genetiche, lingua, religione o credo, credo politico o di altro tipo, appartenenza a una minoranza nazionale, proprietà, nascita, disabilità, età o altro o le circostanze sociali sono proibite”. L’articolo 178 della LC garantisce la parità di retribuzione a parità di lavoro tra uomini e donne.

Questioni salariali

Ciascun individuo ha diritto a un’equa remunerazione e l’importo non deve essere inferiore al salario minimo stabilito dalla legge (articolo 32 del CAR).
In Armenia, le questioni salariali sono trattate in atti separati come l’Employment Wages Act, 2001, la legge sulla remunerazione dei dipendenti pubblici, 2002 e la legge sul salario minimo, 2004.
Il capitolo 19 della LC è dedicato alle questioni salariali, mentre il capitolo 20 si occupa delle garanzie finanziarie e delle compensazioni.
Il salario viene pagato nella valuta della Repubblica di Armenia (Dram). La tariffa della retribuzione minima, mensile e oraria è stabilita dalla legge della Repubblica di Armenia (articolo 179 della LC) e dall’indicizzazione dei salari (articolo 182 della LC). Particolari condizioni retributive sono previste per il lavoro straordinario o notturno, il lavoro svolto in condizioni pericolose, nei giorni festivi e di riposo, il tempo morto e il lavoro a tempo parziale (artt. 183-189 TU).
Il datore di lavoro può effettuare trattenute sulla retribuzione del lavoratore in caso di difetto di produzione o mancato rispetto delle quote richieste (artt. 190-191 TU). Ulteriori motivi per le detrazioni salariali sono elencati anche nell’articolo 213 della LC. Tuttavia, le trattenute complessive non possono superare il 50% della retribuzione mensile del lavoratore interessato (articolo 214 della LC).
L’articolo 192 della LC indica che i salari devono essere pagati almeno una volta al mese. Il datore di lavoro è tenuto a fornire al lavoratore una dichiarazione scritta con le informazioni dettagliate sulla retribuzione pagata e sulle trattenute effettuate (articolo 193 della LC). Inoltre, in caso di ritardato pagamento della retribuzione al lavoratore, il datore di lavoro è passibile delle sanzioni previste dalla legge (art. 198 TU).

Regolamento dei sindacati e delle associazioni dei datori di lavoro

L’articolo 28 della Costituzione armena garantisce la libertà di associazione.
Questo principio è ribadito nell’articolo 21 della LC.
L’articolo 23 della LC stabilisce che i diritti e gli interessi dei lavoratori possono essere rappresentati dai sindacati.
Il capitolo 7 (articoli da 39 a 44) della LC è dedicato alla regolamentazione del partenariato sociale. L’articolo 39 della LC lo definisce come un sistema di interrelazioni tra lavoratori (loro rappresentanti) e datori di lavoro (loro rappresentanti), nonché, in alcuni casi, il governo della Repubblica di Armenia. Questa disposizione enumera anche i principi fondamentali del partenariato sociale, vale a dire, l’uguaglianza delle parti e il diritto alla contrattazione collettiva.
Nella Repubblica di Armenia, ci sono quattro livelli di partenariato sociale: Stato, filiale, regione e impresa. In quest’ultimo le parti sociali sono i datori di lavoro e il sindacato dell’impresa (art. 41 LC).
Ai sensi (art. 42 LC), il partenariato sociale si realizza attraverso:

  • Contrattazione collettiva finalizzata alla predisposizione e sottoscrizione dei contratti collettivi; e
  • Scambio di informazioni e consultazioni reciproche.

Contrattazione collettiva e contratti collettivi

Tra i principi fondamentali della regolamentazione del lavoro nella Repubblica di Armenia, si segnala che i contratti collettivi non possono contenere condizioni meno favorevoli ai lavoratori rispetto a quelle previste dalla legislazione del lavoro. Se il contratto collettivo contiene tali disposizioni, queste sono ritenute non valide (articolo 6 della LC). Gli articoli 45 e 46 della LC riguardano il processo di contrattazione collettiva, la regolamentazione, la predisposizione, la conclusione e l’esecuzione dei contratti collettivi. I contratti collettivi possono essere conclusi a livello statale, di filiale, regionale e di impresa (articolo 46 della LC).
Sebbene il contenuto e la struttura dei contratti collettivi debbano essere decisi dalle parti interessate, l’articolo 49 della LC fornisce un elenco dettagliato di possibili questioni da trattare negli accordi statali, di filiale e regionali. Tali accordi devono essere presentati, per la registrazione, all’ente pubblico competente entro dieci giorni dalla loro firma. È vietato il rifiuto di registrare i contratti collettivi (articolo 51 della LC).
I contratti collettivi nazionali, di filiale e regionali entrano in vigore alla data della loro sottoscrizione da parte delle parti, salvo quanto diversamente previsto dai suddetti accordi. La validità di tali accordi è determinata dalle parti, tuttavia tale termine non può essere superiore a tre anni. Un’eventuale proroga della sua validità è anche limitata a tre anni (art. 52 LC).
Per quanto riguarda i contratti collettivi a livello di impresa, il capitolo 10 (articoli da 55 a 63) della LC ne descrive il contenuto e il processo di elaborazione. Le parti del contratto collettivo di impresa sono il datore di lavoro e il sindacato che agisce nell’impresa. Nel caso di più sindacati presenti nell’impresa, questi dovrebbero costituire un unico organismo di rappresentanza degli interessi dei lavoratori (art. 56 TU).
Il contenuto di un contratto collettivo a livello di impresa è soggetto all’esame e alla negoziazione delle parti sociali, ma non deve contraddire la legislazione nazionale e i contratti collettivi di livello superiore, né essere meno favorevole ai lavoratori (articolo 57 della LC).
I contratti collettivi a livello aziendale entrano in vigore alla data della loro sottoscrizione da parte delle parti, ovvero alla data stipulata. Il termine è determinato dalle parti interessate, tuttavia, tale termine non può essere superiore a tre anni. Un’eventuale proroga è anche limitata a tre anni (art. 52 LC).
La procedura per la modifica e l’integrazione di un contratto collettivo a livello di impresa dovrebbe essere stabilita nell’accordo stesso (articolo 60 della LC).
Per quanto riguarda la possibilità di risoluzione unilaterale del contratto collettivo aziendale, l’articolo 61 del LC indica che ciascuna parte può farlo previo preavviso di almeno tre mesi all’altra parte. Sono tuttavia vietate le dimissioni durante i primi sei mesi di validità del contratto collettivo aziendale.


Foto copertina: Repubblica d’Armenia: tra diritti e doveri dei lavoratori