Pakistan, chiese cristiane sotto attacco


Una folla ha attaccato le chiese cristiane a Jaranwala nella provincia del Punjab nel Pakistan orientale dopo aver accusato i cristiani di profanare il Corano.


I musulmani nel Pakistan orientale sono andati su tutte le furie mercoledì per le accuse secondo cui un uomo cristiano avrebbe profanato il Corano, demolendo la casa dell’uomo, bruciando chiese e danneggiando diverse altre case, hanno detto la polizia e i cristiani locali. Non ci sono al momento notizie di vittime.
L’entità della violenza ha spinto il governo a dispiegare ulteriori forze di polizia e inviare l’esercito per aiutare a ristabilire l’ordine.
Gli attentati a Jaranwala, nel distretto di Faisalabad nella provincia del Punjab, sono scoppiati dopo che alcuni musulmani residenti nella zona hanno affermato di aver visto un cristiano locale, Raja Amir, e il suo amico strappare pagine da un Corano, gettarle a terra e scrivere commenti offensivi su altre pagine.
Il capo della polizia Rizwan Khan ha detto che questo ha fatto arrabbiare i musulmani locali. Una folla si è radunata e ha iniziato ad attaccare più chiese e diverse case cristiane, bruciando mobili e altri oggetti domestici. Alcuni membri della comunità cristiana sono fuggiti dalle loro case per sfuggire alla folla.

Leggi anche:


Foto copertina: Pakistan, chiese cristiane sotto attacco