I Cinque di Cambridge


La storia dei cinque studenti di Cambridge che divennero, a partire dagli anni ’30, degli agenti segreti doppiogiochisti al servizio di Mosca.


 

La nascita dei Cinque

Kim Philby (nome in codice: Stanley), Guy Burdess (nome in codice: Hicks), Donald Duart Maclean (nome in codice: Homer), Anthony Blunt (nome in codice: Johnson) e John Cairncross (nome in codice: Liszt), sono le cinque spie britanniche meglio note come i “Cinque di Cambridge”. Iniziarono il loro mestiere da agenti segreti a partire dagli anni ’30, trasmettendo importanti informazioni dei servizi segreti inglesi all’URSS.
Successivamente alla Prima guerra mondiale, in Gran Bretagna si formarono due modelli sociali e politici: uno di tipo britannico liberista e conservatore, sostanzialmente basato su accese differenze di classe, un altro di matrice comunista ispirato alla Rivoluzione d’ottobre russa che fece acchito su molti giovani inglesi. I giovani comunisti britannici furono d’interesse per l’Unione Sovietica, i Cinque di Cambridge non furono altro che soggetti appartenenti a questa fazione di giovani[1]. Sono gli anni in cui il capitalismo ha mostrato i suoi limiti, anni in cui si subiscono le ripercussioni della crisi del ’29, ecco che si cerca la risposta in altre ideologie.
I cinque ragazzi si conobbero al Trinity College di Cambridge, affascinati dalle lezioni di un docente economista marxista Maurice Dobb. Kim Philby fu il primo ad essere reclutato, si dimostrò negli anni anche il più capace e pericoloso[2].

Kim Philby in codice “Stanley”

Harold Adrian Russel Philby (Kim era un soprannome) nacque in una famiglia benestante. Philby ebbe un’istruzione di prima classe a Cambridge, proprio lì si associò ai socialisti britannici, fu molto attratto dal desiderio di portare l’uguaglianza nel mondo e per questo si avvicinò ben presto all’URSS, principale fortezza di sinistra di quegli anni[3]. Nel 1933, un agente dell’intelligence sovietica (Arnold Deutsch), reclutò Kim Philby a Vienna. A partire dagli anni ’30 Kim nascose le sue idee politiche come corrispondente del “The Times”, scrisse anche della Spagna fascista di Francisco Franco.
Dopo lo scoppio della Seconda guerra mondiale nel 1939, Philby divenne un agente indispensabile per l’intelligence sovietica. L’agente inglese fu fondamentale per la Battaglia di Kursk del 1943, l’URSS riuscì grazie a lui a sapere dove i tedeschi avevano intenzione di attaccare, vicino al villaggio di Prokhorovka; i sovietici riuscirono a respingere un potente attacco da parte dei carri armati tedeschi.
Nel 1944 Kim Philby salì al comando della IX Sezione del Sis britannico, la quale contrastava le operazioni anticomuniste. Con questo suo nuovo incarico trasmise ugualmente le informazioni a Mosca.
La spia inglese fu vittima di diversi sospetti, nel 1951 le voci su di lui aumentarono in seguito alla fuga a Mosca di due spie sovietiche raccomandate dallo stesso Philby: Donald Maclean e Guy Burgess. Entrambi compromisero la posizione di Philby visto che il Sis sapeva che Kim conosceva Burgess, quindi i sospetti sull’identità di Philby aumentarono notevolmente pensando fosse il “terzo uomo” e fu sottoposto ad interrogatori. Gli inglesi non riuscirono ad estorcergli informazioni, fu lasciato libero e stesso il ministro degli Esteri comunicò la sua mancata colpevolezza. Nel ’55 Kim convocò una conferenza stampa esprimendo il suo sdegno per la non fiducia degli inglesi nei suoi riguardi. L’agente segreto lavorò tra il 1956 e il 1963 in Medio Oriente apparentemente come giornalista, in realtà era sempre un uomo del Sis e ovviamente di Mosca. La sua disfatta avvenne nel 1963, il suo doppio gioco venne scoperto attraverso testimonianze fornite da nuovi disertori in Occidente e Flora Solomon, ragazza conosciuta negli anni in Medio Oriente. Dal 1963, anno della sua defezione e della fuga a Mosca, Kim Philby visse in Unione Sovietica lavorando direttamente per il KGB come istruttore. La sua morte avvenne nel 1988.

Guy Burdess

Guy Francis De Moncy Burgess è nato a Devon il 16 aprile 1911, figlio del comandante Malcolm Kingsford de Moncy Burgess e di Evelyn Mary. Ha frequentato la Lockers Park Prep School e l’Eton College per un periodo, oltre due anni al Royal Naval College di Dartmouth e il Trinity College di Cambridge. In quest’ultimo istituto entrò a far parte della società segreta Cambridge Apostles in cui conobbe Anthony Blunt. Ha lavorato per il Times e la BBC essendo anche un corrispondente in Spagna negli anni della guerra civile[4]. È riuscito a trasmettere informazioni e documenti importanti al KGB grazie al suo ruolo da segretario di Hector McNeil al ministero britannico. L’amico Donald Duart Maclean fu sospettato di spionaggio e Burgess decise di accompagnarlo a Mosca; in Russia rimase fino al 1963 tra alcolismo e vizi vari, ciò lo portò alla morte nel 30 agosto del 1963.


Potrebbe interessarti:

Anthony Blunt

Anthony Frederick Blunt, chiamato anche Sir Anthony Blunt, è nato il 26 settembre 1907 a Bournemouth nell’Hampshire. È stato uno storico dell’arte britannico che si rivelò essere una spia sovietica. Negli anni ’30, al Trinity College, entrò a far parte di una cerchia di giovani guidata da Guy Burdess, i quali si accostarono allo spionaggio per conto dell’URSS.
La sua carriera è stata brillante, dal 1937 pubblicò decine di articoli accademici e libri sulla storia dell’arte. Durante la seconda guerra mondiale prestò servizio nell’MI-5, un’organizzazione di intelligence militare, e fu in grado di fornire informazioni segrete ai sovietici e, cosa più importante, di avvertire i colleghi agenti delle operazioni di controspionaggio che avrebbero potuto metterli in pericolo[5].
Nel 1947 Blunt divenne direttore del Courtauld Institute, uno dei principali centri mondiali di formazione e ricerca nella storia dell’arte. Sebbene il suo lavoro di intelligence attivo fosse apparentemente cessato nel 1945, mantenne i contatti con agenti sovietici e nel 1951 fu in grado di organizzare la fuga di Burgess e Donald Maclean dalla Gran Bretagna. Nel 1964, dopo la defezione di Kim Philby, si trovò di fronte alle autorità britanniche e confessò segretamente i suoi legami sovietici. Solo nel 1979, sette anni dopo essersi ritirato dai suoi incarichi, il suo passato è stato reso pubblico. Dopo essersi rivelato come il tanto ricercato “quarto uomo” nell’anello delle spie, fu spogliato del cavalierato che gli era stato assegnato nel 1956. Nel 2009 la British Library ha pubblicato al pubblico le memorie di Blunt. Sebbene abbia scritto che essere una spia sovietica è stato “il più grande errore” della sua vita, Blunt non è riuscito a fornire molte informazioni sul suo lavoro di spionaggio. Blunt morì il 26 marzo del 1983.

Donald Maclean  

Donald Maclean è nato il 25 maggio 1913 a Londra, è stato un diplomatico britannico che spiò per l’Unione Sovietica nella seconda guerra mondiale e all’inizio del periodo della guerra fredda.
All’Università di Cambridge nel 1930, Maclean faceva parte di un gruppo di giovani relativamente privilegiati, tra cui Guy Burgess, che condividevano tutti un disprezzo alla moda per la democrazia capitalista. Reclutato come agente da agenti dell’intelligence sovietica, iniziò a fornire informazioni come membro del Ministero degli Esteri britannico dal 1934[6].
Come primo segretario e poi capo della cancelleria presso l’ambasciata britannica a Washington, D.C., Maclean ottenne il posto di segretario del Combined Policy Committee on Atomic Development ed era a conoscenza di informazioni altamente importanti. Fornì anche all’Unione Sovietica materiale segreto relativo alla formazione del Trattato del Nord Atlantico. Come capo del dipartimento americano al Foreign Office nel 1950, ha contribuito a formulare la politica anglo-americana per la guerra di Corea.
Nel maggio 1951 Maclean ricevette un avvertimento che un’indagine di controspionaggio da parte di agenzie britanniche e statunitensi lo stava prendendo di mira. Insieme a Burgess, che fungeva anche da spia, fuggì dall’Inghilterra e scomparve misteriosamente. Nessuna traccia dei due uomini apparve fino al 1956, quando emersero a Mosca e annunciarono la loro fedeltà di lunga data al comunismo. Maclean morì a Mosca l’11 marzo 1983.

John Cairncross

John Carincross è nato il 15 luglio 1913 a Lesmahagow, è stato uno studioso di letteratura e funzionario britannico che è stato identificato nel 1990 come il “quinto uomo” nel famigerato anello di spionaggio di Cambridge che includeva Kim Philby , Guy Burgess , Donald Maclean e Anthony Blunt.
Figlio di un ferramenta e di un insegnante, Cairncross si laureò all’Università di Glasgow nel 1933 con una laurea in tedesco e francese. Ha studiato lingue moderne alla Sorbona di Parigi e poi al Trinity College di Cambridge. A Cambridge frequentò circoli di sinistra e incontrò altri membri del futuro anello di spionaggio, ma non si adattava ai giovani raffinati e perseguiva le sue future carriere a parte loro[7].
Cairncross entrò nel Foreign Office nel 1936, dopo aver superato gli esami di ammissione con voti eccezionali. Poco dopo, fu presentato da James Klugmann, un comunista di Cambridge, a un agente sovietico che lo invitò ad aiutare il movimento antifascista. Cairncross fu trasferito nel 1938 al Tesoro e nel 1940, dopo l’inizio della seconda guerra mondiale, all’Ufficio di Gabinetto, dove divenne segretario privato di Sir Maurice Hankey, cancelliere del Ducato di Lancaster. In quest’ultima veste Cairncross potrebbe aver passato ai sovietici una copia del rapporto MAUD, che valutava le prospettive della Gran Bretagna per la costruzione di una bomba atomica.
Nel 1942 fu assegnato come traduttore tedesco a Bletchley Park, un centro di ricerca governativo a nord di Londra dove le comunicazioni militari tedesche crittografate furono decodificate e diffuse ai servizi di intelligence. Cairncross contrabbandò molti comunicati tedeschi decifrati ai sovietici, compresi messaggi vitali sui movimenti dell’esercito sul fronte orientale che aiutarono l’Armata Rossa a prepararsi per l’enorme offensiva dei carri armati tedeschi nella battaglia di Kursk (luglio-agosto 1943).
Cairncross si trasferì nel 1944 all’MI6, l’agenzia di intelligence straniera britannica, dove per un certo periodo lavorò sotto Philby. Nel 1945 tornò al Tesoro. Dopo la guerra potrebbe aver passato i piani per la nuova alleanza NATO ai sovietici. Nel 1951, dopo che Maclean e Burgess erano fuggiti dall’Inghilterra per sfuggire alle indagini, le note scritte da Cairncross furono trovate nella casa di Burgess, e Cairncross fu interrogato dall’MI5, l’agenzia di sicurezza interna britannica. Negò di aver spiato per i sovietici, ma accettò di dimettersi dal servizio civile.
Cairncross iniziò una nuova carriera come studioso di letteratura, insegnando negli Stati Uniti alla Northwestern University in Illinois e alla Case Western Reserve University in Ohio. Nei decenni successivi pubblicò una serie di traduzioni e studi dei grandi drammaturghi francesi Racine, Corneille e Molière, nonché una storia degli atteggiamenti cristiani nei confronti della poligamia.
Nel 1964, dopo che Philby aveva disertato in Unione Sovietica, Cairncross fu nuovamente interrogato dall’MI5, e questa volta confessò di spionaggio. Le autorità britanniche decisero di non perseguirlo, forse in cambio di ricevere informazioni da Cairncross, ed entrambe le parti accettarono di rimanere in silenzio sul suo passato. Cairncross continuò i suoi studi letterari e di scrittura e lavorò anche per l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura a Roma. Nel 1990 e nel 1995 è stato nominato “quinto uomo” nei libri di due ex ufficiali dei servizi segreti sovietici. Cairncross tornò in Inghilterra e preparò le sue memorie, che furono pubblicate dopo la sua morte come The Enigma Spy (1997). Cairncross insistette fino all’ultimo che non aveva mai fornito segreti che danneggiavano la Gran Bretagna, e non si vergognava di ammettere di aver dato all’Unione Sovietica informazioni che usava per vincere la sua grande vittoria nella battaglia di Kursk. È morto l’8 ottobre 1995 ad Herefordshire.


Note

[1] The History Channel, Storia dei servizi segreti: episodio 14, Le spie di Cambridge.
[2] Passato e Presente 2019/20 – Le spie di Cambridge – Video – RaiPlay
[3] O. Egorov, Kim Philby: storia della migliore spia sovietica in Gran Bretagna, in “RUSSIA BEYOND”, 26 novembre 2019. Kim Philby: storia della migliore spia sovietica in Gran Bretagna – Russia Beyond – Italia (rbth.com)
[4] Guy Burgess | British diplomat and spy | Britannica
[5] Anthony Blunt | British art historian and spy | Britannica
[6] Donald Maclean | British diplomat and spy | Britannica
[7] John Cairncross | British civil servant and spy | Britannica


Foto copertina: Kim Philby (a destra) nel 1955 quando caddero su di lui i sospetti sull’affare Burgess e Maclean. Photo Sky