Lukashenko: “risponderemo all’aggressività di Polonia e paesi baltici”


La Bielorussia risponderà immediatamente se l’Ucraina, i paesi baltici o la Polonia agiranno in modo aggressivo contro di essa, ha affermato il presidente bielorusso Alexander Lukashenko.


Cresce la tensione al confine tra Polonia e Bielorussia. Lo scorso 10 agosto Mariusz Baszczak, il ministro della Difesa della Polonia aveva dichiarato che: “Circa 10mila soldati saranno spostati al confine (con la Bielorussia), di cui 4mila supporteranno direttamente la Guardia di frontiera e 6mila saranno nella riserva…Spostiamo l’esercito più vicino al confine con la Bielorussia per spaventare l’aggressore in modo che non osi attaccarci”. Le parole fano eco alle dichiarazioni del viceministro dell’Interno Maciej Wsik che aveva annunciato l’invio di 2000 soldati in più alla frontiera.
Alle dichiarazioni polacche aveva risposto il ministro della Difesa Sergei Shoigu che ha definito Varsavia “lo strumento principale della politica anti russa degli Stati Uniti”.
Shoigu ha anche parlato di “piani per creare regolarmente la cosiddetta connessione polacco-ucraina, apparentemente per garantire la sicurezza dell’Ucraina occidentale, ma in realtà per la successiva occupazione di questo territorio”, anche in virtù dell’intenzione “di costruire – come hanno proclamato i polacchi – ‘l’esercito più forte del continente'”.

La posizione di Minsk

La Bielorussia risponderà immediatamente se l’Ucraina, i paesi baltici o la Polonia agiranno in modo aggressivo contro di essa, ha affermato il presidente bielorusso Alexander Lukashenko. “Ci può essere solo una minaccia: l’aggressione contro il nostro Paese. Se inizia l’aggressione anche da parte dell’Ucraina, da parte di Polonia, Lituania, Lettonia, risponderemo all’istante con tutto quello che abbiamo”, ha detto rispondendo a una domanda sulla questione in un’intervista alla giornalista ucraina Diana Panchenko pubblicata sul suo canale YouTube.

 


Secondo il leader bielorusso, la risposta sarà schiacciante. “Non siamo in competizione con loro. Tuttavia, sferreremo loro un attacco travolgente e finiranno con una perdita e un danno travolgenti”, ha osservato.
Lukashenko ha assicurato che le armi nucleari situate in Bielorussia non sarebbero state utilizzate se non ci fosse stata un’aggressione contro Minsk. Tuttavia, se dovesse accadere, la Bielorussia non aspetterà né ritarderà e utilizzerà “l’intero arsenale”, ha aggiunto.


Foto copertina: il presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha affermato che la Bielorussia risponderà immediatamente se l’Ucraina, i paesi baltici o la Polonia agiranno in modo aggressivo contro di essa.