Marine Le Pen lancia l’appello ai “patrioti” di destra e sinistra: “Uniamoci”


Marine Le Pen ha invitato i ” patrioti ” di destra e di sinistra a unirsi a lei, in un appello agli elettori sia di Jean-Luc Mélenchon che di Éric Zemmour ha affermato: “Che importa la sinistra, che importa la destra, ciò che importa è la Francia”. Intanto Macron è saldamente avanti nei sondaggi.


A poco meno di 10 giorni dal primo turno delle presidenziali in Francia, la candidata e leader della destra francese Marine Le Pen si gioca la carta del patriottismo oltre le differenze politiche e lancia un appello agli elettori di Jean-Luc Mélenchon e di Éric Zemmour (Reconquête). “Che importa la sinistra, che importa la destra, ciò che importa è la Francia” è questo il messaggio che ha lanciato la leader di Rassemblement National davanti a quasi mille attivisti riuniti a Stiring-Wendel piccola città di 12.300 abitanti che nel 2017 l’ha vista vincere contro Emmanuel Macron, con quasi il 52% dei voti.  
So che c’è (…) un diritto patriottico che ha, nel cuore, soprattutto e soprattutto davanti ai privilegi esorbitanti di qualcuno, l’amore dei propri connazionali “, ha affermato Marine Le Pen. “Ma so anche che esiste una sinistra patriottica, consapevole del carattere protettivo della nazione, convinta dell’importanza della laicità pacifica perché rispettata, una sinistra attaccata al messaggio di emancipazione dei popoli e degli uomini “, ha aggiunto Marine Le Pen, seguita nei sondaggi proprio da Jean-Luc Mélenchon leader del partito di sinistra La France insoumise, dato al 15%. ” Io dico loro: le vostre convinzioni sono nostre “, e ” il nostro progetto è quindi vostro, perché è popolare, perché è sociale, perché si basa sulla nazione “, parole importanti mentre i suoi sostenitori scandivano lo slogan” Marine présidente”

Il viaggio di Macron

Diviso tra la ricerca affannosa di una risoluzione a la crisi ucraina e una campagna elettorale che lo vede favorito, in una nuova puntata del suo video-racconto settimanale della campagna elettorale, che presenta il presidente-candidato dietro le quinte del suo mandato, Emmanuel Macron si presenta come vicino al popolo, spiegando che “non ha mai smesso di entrare in contatto ” con i francesi. Il video pubblicato sui social network ripercorre i suoi viaggi della scorsa settimana, in Borgogna e Charente-Maritime, mostrando il Presidente tra la gente. “Mi siedo, passo diverse ore, stringo tutte le mani che posso stringere. Parlo, ascolto. È così che vedo le cose, come le vivo. Non ho mai smesso di entrare in contatto”, spiega di fronte alla telecamera, nella sua macchina presidenziale, rispondendo alle domande di un membro del suo entourage. ” Mi piacciono le persone e mi piace convincere “, insiste in questa clip di 7 minuti e 43 secondi. “Ho dato un’immagine di arroganza? Non credo di essere arrogante. (Ma) Sono molto conquistatore, a volte troppo ì”, afferma il presidente e leader di La République En Marche.

Le altre voci

Anne Hidalgo, la candidata socialista alle elezioni presidenziali, e Adrien Quatennens, portavoce di Jean-Luc Mélenchon, hanno parlato con una sola voce. Entrambi hanno denunciato la responsabilità di Emmanuel Macron nell’ascesa di Marine Le Pen e l’estrema destra nei sondaggi, mentre la candidata di Rassemblement National è proiettata come sicura protagonista al secondo turno, come nel 2017. In un sondaggio svolto tra il 21 e il 24 marzo, con il 28%, il presidente è davanti a Marine Le Pen (17,5%) e al candidato di sinistra radicale Jean-Luc Mélenchon (14%).
Con il 77% degli elettori che dichiara che la loro scelta è “definitiva”, Macron ha la base più solida. “Per quanto riguarda la gestione della guerra in Ucraina, la maggioranza dei francesi (64%) si fida di lui e, soprattutto, si fida di lui molto più di ogni altro candidato”, stima Gilles Finchelstein[1], direttore generale.


Potrebbe interessarti:


Note

[1] https://www.jean-jaures.org/


Foto copertina:Marine Le Pen ha raccolto migliaia dei suoi sostenitori a Lione. (Reuters)