Russia e Giappone: firmato l’accordo sulle quote della pesca


Nonostante il peggioramento dei rapporti a causa della crisi in Ucraina, Giappone e Russia hanno raggiunto un accordo sulla quota di pesca di Tokyo per la cattura di salmoni e trote nati nei fiumi russi.


Nonostante il peggioramento dei rapporti a causa della crisi in Ucraina, Giappone e Russia hanno raggiunto un accordo sulla quota di pesca di Tokyo per la cattura di salmoni e trote nati nei fiumi russi, secondo quanto ha affermato sabato l’Agenzia per la pesca giapponese.[1]
I due paesi hanno concordato, per quest’anno, la quota del Giappone di 2.050 tonnellate di salmone e trota all’interno della propria zona economica esclusiva. Si tratta dello stesso livello fissato lo scorso anno, e che il Giappone avrebbe pagato tasse alla Russia tra 200 milioni di yen ($ 1,56 milioni) e 300 milioni di yen, a seconda delle catture effettive, secondo quanto riportato dell’agenzia della pesca giapponese.
I negoziati annuali di pesca sono iniziati questo mese con le tensioni tra Tokyo e Mosca in ebollizione. Dopo l’invasione russa dell’Ucraina, il Giappone ha imposto una serie di sanzioni contro Mosca, espellendo diversi diplomatici e ponendo fine allo status di nazione più favorita della Russia. In risposta alle sanzioni di Tokyo, la Russia, definendo le sue azioni in Ucraina una “operazione speciale”, si è ritirata dai colloqui di pace in stallo con il Giappone e ha congelato i progetti economici congiunti[2].

Ma nonostante la delicata posizione diplomatica, lunedì i due governi firmeranno il documento sulla pesca. Con l’accordo, i pescatori giapponesi dovrebbero iniziare ad operare nella ZEE vicino a Hokkaido all’inizio di maggio. Ad Hokkaido, il divieto di pesca con rete di salmone e trota viene normalmente revocato il 10 aprile. Ma quest’anno la pesca non è stata consentita poiché il divieto è rimasto in vigore in attesa dell’esito dei negoziati. “Questo fa parte della cooperazione del Giappone nella gestione delle risorse intrapresa dalla Russia”, ha affermato un funzionario dell’agenzia. “Non vedo alcun problema con esso.” La quota del Giappone all’interno della ZEE russa, che di solito viene discussa insieme alla quota all’interno della ZEE giapponese, rimane indecisa. I due paesi discutono le loro quote per le risorse ittiche come saury che rappresenta uno degli alimenti più importanti della cucina giapponese e calamari all’interno delle rispettive ZEE durante tutto l’anno[4].
Per il popolo giapponese, il saury del Pacifico, noto come sanma in giapponese, è sinonimo della cultura dei cibi familiari che si trovano sulla tavola delle famiglie giapponesi nelle stagioni autunnali e invernali. 

I negoziati sono stati curati da parte giapponese da Hitoshi Fujita Direttore del dipartimento di gestione delle risorse, dai rappresentanti dell’Agenzia della pesca e del Ministero degli affari esteri e rappresentanti delle organizzazioni di pesca. La delegazione russa è stata guidata da Sergey Shimakov dell’Agenzia federale della pesca[3], con i rappresentanti dell’ufficio di cooperazione internazionale e i funzionari del Ministero degli Affari Esteri.


Note

[1] https://www.jfa.maff.go.jp/j/press/kokusai/220423.html
[2] https://www.reuters.com/world/japan-russia-sign-fishing-deal-despite-ukraine-tensions-2022-04-22/
[3] https://fish.gov.ru/
[4] https://www.japantimes.co.jp/news/2022/04/23/business/japan-russia-salmon-fishing-deal/


Foto copertina: Saury del Pacifico, noto come sanma in giapponese è uno degli alimenti tradizionali della cucina nipponica.